Cronaca

Mottarone, la tragedia che ha scioccato il mondo, ecco alcune ricostruzioni di quel tragico giorno

Uno degli episodi più brutti che resterà impressa per lungo tempo nella storia: il Mottarone, la tragedia che ha scioccato il mondo

Arrivano ancora notizie tragiche sul Mottarone, la tragedia che ha scioccato il mondo, nonostante sia passato quasi un mese dall’accaduto. Il notiziario del TG3 ha mandato in onda durante l’edizione giornalistica, un video sul Mottarone, dove si vedono delle immagini scioccanti difficili da dimenticare.

Il Mottarone, la tragedia ha scioccato il mondo, il racconto del video choc

Dalla immagini diffuse si può vedere che mentre la famosa cabina n. 3 si avvicina lentamente alla stazione, come di solito avveniva prima di terminare il suo viaggio, improvvisamente si impenna, come se volesse tornare indietro. Poi il salto nel vuoto, la cabina precipita ad una velocità impressionante e nessuno riesce a restare in piedi. A bordo c’erano quindici persone, tra cui il piccolo Eitan.


Eitan unico superstite alla tragedia resta completamente orfano, poiché la mamma e il papà, insieme al suo fratellino Tom di appena 2 anni, perdono la vita a seguito dell’incidente.

Forti sono le immagini esclusive che passa in onda TG3

La RAI, riporta il tragico momento dell’incidente, del 23 maggio scorso, in cui perdono la vita quattordici persone, tranne Eitan.

Il video mostrato dal TG3 è recuperato direttamente dai carabinieri. Le riprese sono state recuperate tramite i monitor della stazione. Dal racconto e dalle tragiche immagini prelevate dalle forze dell’ordine, si distingue anche l’addetto che attende l’arrivo della funivia.

Poi, nel momento stesso in cui la cabina n. 3 si avvicina, inizia ad alzare il capo, come se vedesse che qualcosa non andava. In quel momento, la fune si spezza e mentre la cabina precipita l’uomo cerca di chiamare i soccorsi. Ma i suoi sforzi sono inutili poiché, purtroppo, tutti muoiono sul colpo, soltanto Eitan riesce a salvarsi miracolosamente.

Le indagini sulla tragedia del Mottarone non si fermano, ci sono ancora molte cose da chiarire. Ma la domanda che tutti si fanno è come è possibile tutto questo? Perché l’uomo ha messo davanti alla vita gli interessi? Perché i controlli non hanno rilevato la possibilità di una tale tragedia?

Giovanna Russo

Mi chiamo Giovanna, e vivo al centro storico di Napoli. Ho ed ho una passione sin da bambina ed è quella di viaggiare e scoprire posti nuovi, culture diverse tradizioni nuove e luoghi da esplorare.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *