Cronaca

Ritrovato Nicola, il piccolo scomparso nei boschi del Mugello, era in un burrone

Nicola Tanturli è stato ritrovato, il bimbo scomparso nei boschi del Mugello si trovava in una scarpata

L’Italia tira un sospiro di sollievo. Nicola Tanturli, il piccolo scomparso nei boschi del Mugello, è stato ritrovato in fondo ad un burrone per fortuna vivo. Il bambino ha percorso all’incirca 4-5 km dopo essersi allontanato da casa, da Palazzuolo sul Senio.

Ritrovato Nicola, il piccolo scomparso nei boschi del Mugello

La Prefettura di Firenze ha comunicato che il bambino si trovava in fondo ad una scarpata. Lo ha ritrovato il giornalista de ‘La vita in diretta’ di Rai 1, Giuseppe Di Tommaso, il quale ha sentito dei lamenti che provenivano da un burrone. Il giornalista si era, infatti, fermato con l’auto in prossimità del luogo poiché era stato colto da un malore. Sceso dalla macchina, aveva sentito un lamento, e ha subito intuito potesse trattarsi del bambino. Ha chiesto alla troupe di andare a vedere nonostante le resistenze perché non gli credevano, pensavano si trattasse del lamento di un capriolo. Di Tommaso ha insistito e nel frattempo ha urlato “Nicola” e ha sentito la voce del piccolo che chiamava la mamma. Lo hanno trovato in lacrime con la maglietta piena di graffi, ma per fortuna vivo.


Nicola di nuovo tra le braccia della mamma

Il giornalista ha raccontato di aver subito allertato i soccorritori e cosi di lì a poco il Luogotenente Ciccarelli, comandante della stazione dei carabinieri di Scarperia, in prima linea nelle ricerche, si è calato a 25 metri recuperando il piccolo che chiedeva della mamma. Secondo i carabinieri Nicola si sarebbe allontanato da solo, e ha vagato poi per i boschi circostanti la casa dove vive con i genitori. Gli investigatori ritengono di dover escludere altre ipotesi.

Il Luogotenente Ciccarelli riferisce di aver provato una forte emozione nel ritrovare il bambino. Una volta nella scarpata si è accertato che stesse bene e non avesse riportato lesioni importanti, aveva infatti solo un bernoccolo e alcuni graffi. Lo ha preso in braccio mentre il bambino gli si è aggrappato al collo con fiducia. Pian piano lo ha ricondotto sulla strada, aiutato nell’ultimo tratto della risalita dal giornalista. E così, finalmente, lo ha riconsegnato tra le braccia della mamma.

Dopo il salvataggio il piccolo è stato trasportato in elicottero da Palazzuolo sul Senio all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, per verificare con accertamenti il suo stato di salute. Ad accompagnarlo la mamma Pina.

Dopo un’estenuante notte di ricerche il lieto fine, ma le indagini sono ancora in corso, da chiarire il comportamento dei genitori

Sono durate tutta la notte le ricerche del piccolo Nicola. Squadre di volontari, insieme ai Vigili del Fuoco, ai Carabinieri, hanno perlustrato la zona in lungo e in largo. Si è temuto il peggio, poi il ritrovamento inaspettato grazie all’inviato di Rai 1, Giuseppe Di Tommaso. Finalmente l’Italia ha tirato un sospiro di sollievo per il lieto fine.

In ogni caso la Procura di Firenze, guidata dal procuratore capo Giuseppe Creazzo, ha aperto un fascicolo di indagine per fare luce sulla vicenda. Al momento il fascicolo è senza indagati. E comunque sono ancora in corso gli accertamenti preliminari, iniziati immediatamente dopo il ritrovamento del bambino.

È il comando provinciale dell’Arma dei carabinieri di Firenze con la compagnia di Borgo San Lorenzo, competente territorialmente su Palazzuolo sul Senio, a condurre le indagini. I carabinieri riferiranno alla magistratura circa la valutazione sul comportamento dei genitori, Leonardo e Pina Tanturli. I carabinieri dovranno chiarire in che modo e in quali circostanze è avvenuta la scomparsa del bambino. I genitori dovranno chiarire come mai hanno dato l’allarme solo alle 9 di martedì 22 giugno dopo che, a quanto hanno riferito, si sono accorti della sua sparizione poco prima della mezzanotte del 21 giugno. Non è esclusa l’imputazione del reato di abbandono di minore.

Una pillola di conoscenza

Questo spazio, a cura di Francesca Borrelli, ha lo scopo di fornire piccoli spunti di informazione su temi di interesse generale.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *