Cucina

Pane con ciccioli rustico e fragrante con lievito madre

Il pane con ciccioli è una specialità campana ed è una pagnotta molto saporita. Fragrante e gustoso, una vera bontà tutta da assaporare

Il pane con ciccioli è una specialità campana ed è una pagnotta molto saporita. I ciccioli, sono una specialità gastronomica, che si ottengono dal grasso del maiale. Che viene cotto in pentola, fino a ridurlo allo stato liquido. Poi viene strizzato e, il liquido ottenuto si invasa e solidificando diventa sugna. Gli scarti del grasso, invece, una volta strizzati, diventano ciccioli, buoni e saporiti da gustare come snack, oppure da utilizzare in altre preparazioni. Essendo, i ciccioli un prodotto ipocalorico, è bene consumarli in prodotti come i lievitati.

Pane con ciccioli rustico e fragrante con lievito madre

Il pane con i ciccioli è un lievitato rustico, che generalmente si prepara nel periodo di Pasqua. Soprattutto quando, macellai o massaie, producono la sugna. Ma non solo, se capita di avere un po’ di ciccioli conservati, per consumarli questa è la ricetta perfetta. Infatti, il pane con ciccioli rustico e fragrante con lievito madre, è una vera bontà. Farlo in casa è semplice, si procede allo stesso modo del pane casareccio, aggiungendo per ultimo i ciccioli. Ma oltre a una fragrante pagnotta, con i ciccioli si possono fare anche la pizza fritta e la focaccia.


focaccia
Consigliamo anche questa ricetta

Ingredienti

  • Farina per pizza 200 g
  • Semola rimacinata 200 g
  • Farina integrale 100 g
  •  Farina 00 100 g
  • Acqua 390 g
  • Miele 1 cucchiaino
  • Lievito madre 100 g
  • Sugna 1 cucchiaio
  • Ciccioli 200 g
  • Sale 6 g

Pane con ciccioli: preparazione

La prima cosa da fare, è preparare il lievito madre; rinfrescarlo e attendere il raddoppio. Nel frattempo quando manca un ‘ora al raddoppio del lievito, preparare le farine. Setacciarle insieme in una ciotola oppure, in quella della planetaria. Aggiungere 330 g d’acqua presa dal totale, azionare e far assorbire tutta l’acqua alla farina per pochi secondi. Poi spegnere e coprire con la pellicola e far riposare 40 minuti.

Quando il lievito madre è pronto, aggiungerlo all’impasto di acqua e farina, aggiungere anche il miele e un po’ dell’acqua restante. Far partire la planetaria con il gancio a uncino e impastare fino a far assorbire l’acqua. Poi aggiungere il sale e l’ultima acqua, dopo che si è assorbita, unire la sugna. Farla assorbire e poi infine, aggiungere anche i ciccioli leggermente tritati; facendoli distribuire bene.

Lasciar riposare mezz’ora e poi fare un giro di pieghe. Trasferirlo in un contenitore adatto, segnare la partenza e attendere quasi al raddoppio. Poi trasferirlo, sulla spianatoia infarinata allargarlo e fare una piega a tre. Poi coprire a campana con il contenitore e far riposare per mezz’ora. Trascorso il tempo, formare il pane, sistemarlo nel cestino con uno strofinaccio e attendere di nuovo il raddoppio. In questa fase si può anche mettere in frigo, per cuocerlo più comodamente. Facendo la cottura; frigo, forno.

Al momento d’infornare, riscaldare il forno a 250° posizionando un pentolino con acqua fredda. Infornare nel forno bello caldo, per 20 minuti. Trascorso il tempo, togliere il pentolino e abbassare la temperatura a 200° per 30 minuti. Dopodiché, abbassare a 160° per ancora 20 minuti e infine, sempre a 160° lasciando la porta a spiffero per 20 minuti.

Imma Castaldo

Ciao sono Imma, la mia più grande passione è la cucina e tutto ciò che ne deriva. Una passione che coltivo fin da ragazza, che poi ho dovuto mettere un po’ da parte con l’arrivo dei miei pargoli. Ora che sono grandi ho ripreso a mettere le mani in pasta. Dal dolce al salato, dai primi ai secondi, passando per ricette della tradizione, arrivando poi alla pizza e panini per accontentare tutti. Impastare e sperimentare ricette nuove mi rilassa e mi tiene occupata, ho imparato ad avere pazienza e rispettare i tempi di lievitazione dei miei impasti, mi piace molto utilizzare il lievito madre. La passione più grande sono i dolci, non smetterei mai di farli ma anche di mangiarli. Ho scoperto poi che oltre a cucinare è bello raccontare e trasmettere ricette e consigli.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *