Economia

Disabili sconti su internet e telefonia: agevolazioni sì, ma discriminanti

Nuova misura a favore dei disabili sconti su internet e telefonia, sono agevolazioni, ma discriminanti, escludono la disabilità intellettiva

Disabili sconti su internet e telefonia. Agcom ha pubblicato il 14 ottobre la delibera che estende le agevolazioni, di cui prima godevano solo utenti sordi e ciechi, anche a persone con grave disabilità motoria. Purtroppo, però, si tratta di agevolazioni discriminanti poiché rimangono ancora escluse le disabilità intellettive.

Disabili sconti su internet e telefonia

Dunque, hanno esteso gli sconti per internet e telefonia anche a chi ha una disabilità motoria. Quindi queste agevolazioni non riguarderanno più solo chi è sordo o cieco. Questa novità è riportata nella delibera n. 290/21/CONS, pubblicata il 14 ottobre dall'Agcom. Si tratta di agevolazioni tariffarie sulla telefonia e sul traffico dati, estese adesso anche agli utenti invalidi affetti da gravi limitazioni della capacità di deambulazione.


Tutti i destinatari del provvedimento hanno la possibilità di scegliere tra diverse offerte agevolate di rete mobile. In tal modo avranno accesso alle varie applicazioni web che rappresentano un importante veicolo di inclusione sociale.

Dal punto di vista tecnico, l’Autorità ha definito una soglia pari a 50 gigabyte. Su questa base gli operatori devono individuare tre offerte scegliendole fra tutte quelle presenti sul mercato: un’offerta con disponibilità di dati inferiore alla soglia, una offerta che abbia una disponibilità dati superiore e infine un’offerta unlimited. Gli aventi diritto pagheranno il 50% del prezzo base della relativa offerta di mercato.

L’Autorità considera una fase di sperimentazione della durata di dodici mesi prorogabili nell’applicazione di tali misure. La finalità è quella di poter raccogliere informazioni sull’efficacia di queste agevolazioni ora rivolte ad una platea più estesa, quella dei portatori di disabilità motoria.

Chi è interessato può inviare la richiesta di adesione dal 1° gennaio al 1°aprile 2022, quindi ha tre mesi di tempo. Invece, gli operatori hanno 180 giorni di tempo dalla data di pubblicazione di questa nuova delibera per rendere disponibili le agevolazioni.

Potrebbe interessare anche>>>Agevolazioni fiscali previste per la legge 104: dal meccanico al bollo auto

L’importanza della tecnologia nella disabilità

Elisa Giomi, commissaria Agcom e relatrice della delibera, ci tiene a sottolineare l’importanza della tecnologia nella disabilità. È perciò fondamentale che questi utenti portatori di handicap possano avvalersi dei servizi di rete usufruendo delle migliori condizioni economiche possibili. Ed è importante estendere tali benefici e sconti sui servizi di comunicazione elettronica per favorire l’inclusione sociale, un superamento delle barriere e una vita maggiormente indipendente.

Agevolazioni sì, ma discriminanti: esclusa la disabilità intellettiva

Sicuramente è un bel traguardo quello raggiunto, ma la delibera ha comunque dei limiti che vanno denunciati come sottolinea CoordDown. Infatti, rimangono escluse le persone con disabilità intellettiva che non possono beneficiare di tali agevolazioni. Eppure è risaputo quanto anche per loro l’uso di tablet e smartphone sia diventato molto importante. Per i disabili con sindrome di Down, infatti, questi strumenti sono un aiuto nelle relazioni interpersonali, li sostengono nel renderli autonomi, nel permettere spostamenti sul territorio.

Perciò queste agevolazioni sono di fatto discriminanti avendo escluso e squalificato tali persone. Dello stesso parere è anche il presidente di Anffas nazionale, Roberto Speziale. Parla di una discriminazione che definisce intollerabile, che crea danno a persone con disabilità intellettive e alle loro famiglie. Si augura che si sia trattato soltanto di una rimediabile dimenticanza. Altrimenti si dice intenzionato a contrastare con fermezza questa ingiustizia. Tanto più che tali forme di disabilità rappresentano oltre il 65% di tutte le disabilità, quindi una fetta tutt’altro che marginale e trascurabile.

Francesca Borrelli

Mi ha sempre affascinato l'uomo e la sua interiorità. C'è un universo dentro ciascuno di noi che aspetta di essere esplorato e conosciuto e trovo che la via spirituale, accanto a quella psicologica, possa far luce lungo il cammino della vita.

Articoli collegati