Finanza

Borsa Milano in calo con le Borse europee, Evergrande affossa Wall Street

Giornata nera per la Borsa di Milano (-2,57%) seguite tutte le Borse europee. Non va meglio a Wall Street con il colosso Evergrande.

Giornata difficile oggi per la Borsa Milano con vendite diffuse e chiude con contrattazioni al ribasso, seguita dalle Borse europee e da Wall Street con S&P 500 in flessione dell'1,80%. Il mercato valutario, Euro/Dollaro USA mantiene una posizione stabile e si assesta su 1,173. Mentre, in lieve rialzo l'Oro che sale a 1.761,3 dollari l'oncia. Giornata da semaforo rosso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil) scambiato a 71 dollari al barile. Invece, sale lo spread a quota 103 punti base, i rendimenti BTP a dieci anni pari allo 0,72%.

Lo scenario della Borsa Milano in calo con le altre Borse europee

Tutte le Borse europee in calo, la discesa drastica colpisce fortemente Francoforte in calo del 2,31%, Londra -0,79% e Parigi in calo dell'1,74%. Giornata difficile per la Borsa Milano con un crollo dell'2,57%, anche il FTSE Italia All-Share che la scorsa settimana riusciva a sorprendere, oggi non c'è la fa e cede del 2,43%, si ferma a 27.581 punti base.


A Piazza Affari il miglior titolo è Amplifon con +0,56% mentre Banco BPM chiude con -5,10%, Eni - 4,83%, Unicrediti -4,71%.

Tra il FTSE MidCap brilla Autogrill (+4,96%), ENAV (+1,74%), Saras (+2,56%) e B.F. (+0,83%).

Le performance peggiore è registrata da Biesse (-5,83%), seguita da CIR (-4,06%), Sesa (-3,55%) e infine, Salcef Group (-3,49%).

Ti potrebbe interessare anche>NextGenerationEU: quarta emissione Bond, oltre 9 miliardi di euro

Wall Street: giornata da dimenticare per l'incidenza di Evergrande

Giornata fortemente negativa per Wall Street dovuto al forte allarmismo sul mercato immobiliare e il credito in Cina, legati al colosso delle costruzioni di Evergrande. La forte speculazione di questo colosso ha creato un disastro a livello economico e adesso gli investitori vogliono certezze e risposte che il gruppo non riuscirà a dare.

Gli investitori sono incerti e si respira aria di nervosismo, questa situazione è creata anche dalle banche centrali. Il Dow Jones si ferma con un calo di (-2,21%), si attesta a 33.820 punti base, S&P 500 con un calo -2,24% e il Nasdaq 100 (-2,58%). La situazione non migliora per il S&P 100 (-2,29%).

Angelina Tortora

Giornalista iscritta all'Ordine dei Giornalisti Campania e ragioniera commercialista iscritta all’ordine dei Revisori Ufficiali dei Conti. Esperta in ambito fiscale e previdenziale, sempre vicino al Lettore nel disbrigo di pratiche e nello svolgimento di quesiti su varie tematiche previdenziali e fiscali. Esperta SEO e formazione.

Articoli collegati