Fisco

IVA al 4% su interventi per superamento delle barriere architettoniche, è possibile?

Interventi finalizzati al superamento o abbattimento delle barriere architettoniche con cessione del credito o sconto in fattura e IVA al 4%.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito più volte quando è possibile l’applicazione dell’IVA al 4% sugli interventi del bonus casa e le varie agevolazioni fiscali. In  quest’articolo, esaminiamo la domanda di un lettore che ha contattato l’Esperto risponde tramite WhatsApp al numero +39 379 122 7826. L’argomento riguarda la possibilità dell’applicazione dell’IVA al 4% su interventi per superamento delle barriere architettoniche.

IVA al 4% su interventi per superamento delle barriere architettoniche

La domanda del lettore: “Buongiorno, ho l’invalidità al 100% e la Legge 104, vorrei installare una piattaforma elevatrice per disabili per superare le barriere architettoniche. La ditta fornitrice dice che posso usufruire della cessione del credito con sconto in fattura del 50% ma non dell’IVA al 4%. È vero? Grazie Marco”


Interpello dell’Agenzia delle Entrate

La risposta a questa domanda arriva direttamente dall’Agenzia delle Entrate nell’interpello n. 3 del 13 gennaio 2020. L’Agenzia chiarisce l’applicazione dell’IVA al 4% sulle prestazioni con contratti di appalto che prevedono la realizzazione di interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche (Legge n. 13/1989).

Quindi, l’applicazione del 4% è possibile sulla cessione dei beni previsto dal decreto IVA, come ad esempio:

  1. veicoli a motore per invalidi;
  2. poltrone; servoscala
  3. altri mezzi che permettono il superamento delle barriere architettoniche per i soggetti che hanno impedite capacità motorie.

In effetti, sono agevolabili tutte i beni, che per le loro caratteristiche tecniche di costrizione, risolvono i limiti della deambulazione verso i soggetti disabili.

Il legislatore evidenza l’oggettività dell’agevolazione in riferito alla natura del prodotto e lo status di invalidità del soggetto acquirente.

Quindi, si ritiene che l’IVA al 4% possa essere applicata in ogni fase dell’acquisto del bene, anche in condominio rispettando la misura e le regole tecniche imposte dalla normativa.

Dalla lettura dell’interpello ne consegue che tutte le opere finalizzate al superamento o all’eliminazione delle barriere architettoniche può essere applicata l’IVA ridotta al 4%.

Bisogna sempre considerando le specifiche tecniche corrispondono a quelle indicate nella Legge.

Interrogazione parlamentare su interventi per abbattimento barriere architettoniche

L’interrogazione parlamentare n. 5-04996 precisa che gli interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche godono della possibilità della cessione del credito a terzi o dello sconto in fattura.

La condizione indispensabile è che devono essere riconducibili a quelli previsti all’art. 16-bis, lettera a) e b) del TUIR.

Esperto risponde

Invia una domanda agli esperti di InformazioneOggi.it, Andrea Napolitano e Annalisa Giordano. Il servizio è semplice e gratuito. I temi trattati riguardano l'ambito fiscale, giuridico, amministrativo, previdenziale e agevolazioni disabili. Scrivici: esperto.informazioneoggi@gmail.com o WhatsApp +39 379 122 7826

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *