Fisco

Truffa Agenzia delle Entrate: finte email allarmano i contribuenti su pagamenti fiscali in sospeso

Truffa Agenzia delle Entrate: molti stanno ricevendo finte email su pagamenti fiscali in sospeso, vediamo di che si tratta e come difenderci

Truffa Agenzia delle Entrate, bisogna fare attenzione perché ancora una volta la mente machiavellica dei malintenzionati è all'opera. Non sembra arrestarsi la fantasia dei truffatori che ormai hanno imparato una nuova modalità per ingannare le persone. Hanno escogitato di rivestire di una presunta ufficialità le esche con cui cercano di attirare i malcapitati nella rete.

L'obiettivo è sempre lo stesso carpire dati e informazioni fondamentali per operare dei raggiri in piena regola. Questa volta hanno utilizzato delle finte email dell'Agenzia delle Entrate. Vediamo di che cosa si tratta e soprattutto come possiamo difenderci.


Truffa Agenzia delle Entrate: finte email allarmano i contribuenti su pagamenti fiscali in sospeso

È stata smascherata l’ennesima truffa a danno di comuni cittadini che in buona fede ci cascano. È l’Agenzia delle Entrate a segnalare in questi giorni, infatti, tentativi di truffa a danno dei contribuenti. Molte persone stanno ricevendo nella propria casella elettronica una email che fa riferimento a presunti pagamenti fiscali in sospeso. Si tratta, ovviamente, di false comunicazioni che però generano allarme in chi le riceve. E questo spinge a seguire tutte le istruzioni indicate.

Queste email sono molto credibili. Apparentemente sembrano inviate da un indirizzo di posta elettronica ricollegabile all’Agenzia delle Entrate, e riportano addirittura la firma del direttore. Il destinatario viene invitato a recarsi presso un ufficio postale o presso la banca, dove deve esibire la stampa del file allegato. È inutile dire che è tutto falso. Questi allegati sono file pericolosi (in questo caso file .xls), che hanno la capacità di danneggiare il computer o riescono a sottrarre informazioni personali.

Potrebbe interessare anche>>>Postepay: come difendersi dalle truffe che stanno svuotando il conto corrente degli italiani

Come comportarsi

Innanzitutto è bene ricordare che non è prassi dell’Agenzia delle Entrate quella di inviare comunicazioni di questo tipo. Perciò, la prima cosa da fare se si ricevono tali email, è quella di cestinarle e soprattutto non aprire alcun allegato. In secondo luogo possiamo prendere l’abitudine di consultare periodicamente il sito delle Entrate alla sezione Focus sul phishing. Qui vengono riportati gli ultimi avvisi sulle truffe più comuni in circolazione.

È possibile consultare qui il comunicato dell'Agenzia delle Entrate

Francesca Borrelli

Mi ha sempre affascinato l'uomo e la sua interiorità. C'è un universo dentro ciascuno di noi che aspetta di essere esplorato e conosciuto e trovo che la via spirituale, accanto a quella psicologica, possa far luce lungo il cammino della vita.

Articoli collegati