Economia

Nuovo bonus spesa per le famiglie disagiate fino a 700 euro, ecco come averlo

Nuovo bonus per famiglie disagiate a causa pandemia: possibile pagare anche il fitto di casa

È arrivato un nuovo bonus spesa per le famiglie disagiate, un aiuto per tutti coloro che non riescono a superare la crisi. Inerente all’emergenza epidemiologica, per aiutare chi vive una situazione economica abbastanza critica, è arrivato un nuovo aiuto. Il Ministro dell’interno ha rilasciato un fondo con una donazione di 600 milioni di euro per l’anno 2021 che sarà unicamente rilasciato a tutte le famiglie in difficoltà.

Il nuovo bonus spesa per le famiglie disagiate è arrivato

Oltre alle esigenze alimentari, il Ministro dell’interno ha pensato di creare anche un beneficio economico per gli affitti. Poiché è importante affrontare le spese di locazione per potersi mantenere in una casa. In merito a ciò, il fondo rilasciato dal Ministero è di 500 milioni di euro per l’anno 2021. Da rilasciare alle famiglie che non possono permettersi di pagare gli affitti di locazione.


A chi spetta

Il bonus spesa e affitti, è un’iniziativa per il sostegno dei tanti nuclei familiari con una soglia Isee molto bassa, che comunque non deve superare gli 8.000 euro annui.

Il bonus spesa sarà rilasciato sotto forma di voucher a partire da 50 euro e fino ad arrivare a 700 euro per ogni nucleo familiare. I buoni spesa che verranno acquisiti dai negozi sono indicati nell’elenco pubblico del Comune sul sito istituzionale.

Inoltre, si possono acquistare generi alimentari o prodotti di prima necessità, sono riconosciuti anche gli acquisti di farmaci, più il pagamento delle bollette. Il bonus potrà essere utilizzato in tutti i centri commerciali che aderiscono a questa iniziativa di solidarietà; i supermercati che prendono i buoni spesa, in particolare sono, Conad, Coop, Carrefour, Esselunga, Eurospin, Simply.

I requisiti

I requisiti che verranno presi in considerazione, sono fondamentalmente uguali alle occasioni precedenti; verrà considerato dunque la situazione lavorativa, da quanti membri è composto il nucleo familiare, dal patrimonio immobiliare e la situazione economica sui conti bancari.

Inoltre bisognerà essere un cittadino italiano, che l’intestatario del bonus corrisponda nella residenza del Comune dove si è fatta richiesta della domanda per il bonus. Per i cittadini extracomunitari, bisogna possedere un valido permesso di soggiorno.

Giovanna Russo

Mi chiamo Giovanna, e vivo al centro storico di Napoli. Ho ed ho una passione sin da bambina ed è quella di viaggiare e scoprire posti nuovi, culture diverse tradizioni nuove e luoghi da esplorare.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *