Pensioni

Pensionamento anticipato con Legge 104 per assistere un familiare, nato nel 1966 quale possibilità ci sono?

Quali possibilità di pensionamento anticipato ci sono con la Legge 104 del familiare che si assiste per i lavoratori nati nel 1966?

La pensione anticipata è prevista per quattro categorie di lavoro, tra cui i lavoratori caregiver, cioè coloro che assistono un familiare disabile con handicap grave. Il pensionamento con Legge 104 è possibile attraverso due forme pensionistiche. Una Lettrice ha inviato una mail agli Esperti di InformazioneOggi chiedendo cosa è possibile fare. Rispondiamo al Lettore contemplando la normativa di riferimento nel 2021.

Pensionamento anticipato con Legge 104

La domanda della Lettrice: “Buongiorno, sono nata il 18 gennaio 1966, ho quasi 34 anni di contributi maturati sempre come dipendente di un azienda privata, sono un caregiver. Chiedo alla luce dei miei dati come sono messa per accedere alla pensione anticipata. In attesa di una cortese risposta, cordiali saluti”.


Ape Sociale e Quota 41

Le possibilità per accedere nel 2021 alla pensionamento anticipato con Legge 104 in qualità di caregiver sono due: Ape Sociale e Quota 41. Entrambe le misure hanno dei requisiti precisi.

Per l’Ape sociale il lavoratore che assiste il familiare con Legge 104 articolo 3 comma 3, può accedere se ha compiuto 63 anni di età e ha maturato 30 anni di contributi. Per le donne è previsto uno sconto massimo di due anni in base ai figli. Quindi, invece di 30 anni di contributi le lavoratrici possono accedere con un massimo di 28 anni di contributi. Il familiare disabile deve essere convivente da minimo sei mesi dall’atto della presentazione ella domanda.

La Quota 41 è una misura destinata ai lavoratori precoci, cioè coloro che hanno almeno un anno di contributi versati prima del compimento del diciannovesimo anno di età.

Per questa misura non esiste un limite di età ma sono richiesti 41 anni di contributi.

L’Ape  Sociale scade nel 2021 e sarà accessibile nel 2022 solo se sarà prorogata nella Legge di Bilancio. Mentre la Quota 41 è istituzionale e non ha scadenza, salvo diversi cambiamenti apportati dalla prossima riforma pensioni che attualmente è allo studio.

La nostra lettrice non rientra nell’APE Sociale perché non raggiunge il limite di età richiesto. Per la Quota 41 è richiesto il lavoro precoce e 41 anni di contributi, quindi, anche in questo caso non soddisfa i requisiti.

Per le lavoratrici esiste un’altra possibilità di pensionamento anticipato, si tratta dell’Opzione Donna, ma non è prevista nessuna tutela lavorativa. Inoltre, per il 2022 deve essere prorogata nella Legge di Bilancio. Qui tutte le informazioni su questa misura pensionistica con le risposte dell’Esperto: Pensione Opzione Donna

Esperto risponde

Invia una domanda agli esperti di InformazioneOggi.it, Andrea Napolitano e Annalisa Giordano. Il servizio è semplice e gratuito. I temi trattati riguardano l'ambito fiscale, giuridico, amministrativo, previdenziale e agevolazioni disabili. Scrivici: esperto.informazioneoggi@gmail.com o WhatsApp +39 379 122 7826

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *