Pensioni

Pensione reversibilità: ora ancora più semplice col servizio di richiesta precompilata

Pensione reversibilità: grazie alla digitalizzazione ora ancora più semplice presentare la domanda col servizio di richiesta precompilata

Pensione reversibilità, adesso è disponibile un utile servizio di richiesta precompilata online per la reversibilità della pensione. Tutto diventerà così molto più facile e veloce.

Pensione reversibilità: ora ancora più semplice col servizio di richiesta precompilata

L’INPS ha comunicato, con il messaggio n. 3555 del 10 ottobre, che una nuova funzione è disponibile su tutto il territorio nazionale. Si tratta del servizio online di precompilazione della domanda di pensione di reversibilità. Questo progetto, per cui è stata condotta prima una sperimentazione, fa parte di un programma di rinnovamento e di innovazione digitale 2021. La denominazione del progetto è Piena automazione dei processi di liquidazione dei trattamenti economici “semplici”.


Attraverso questo servizio tutto la procedura e l’istruttoria necessarie al momento della eliminazione della pensione del defunto, diventano più semplici e veloci. La procedura, infatti, si attiva automaticamente e permette al coniuge:

a) di poter accedere alla pensione di reversibilità;

b) assiste l’utente nella presentazione della domanda. Questi può farlo precompilando il modulo di domanda con tutti i dati reperibili negli archivi dell’Istituto. La procedura facilita il completamento del modulo e rende semplice reperire nell’immediato le informazioni di cui si ha bisogno; 

c) di ottimizzare i tempi necessari per definire l’istruttoria e di erogazione della prestazione.

Il modello di domanda è stato, perciò, completamente rinnovato e soprattutto reingegnerizzato. In questo modo è di facile utilizzo e permette di facilitare l’acquisizione automatica dei dati. 

La procedura si trova nell’area MyINPS, per accedere abbiamo bisogno dello SPID, CIE o CNS.

Se l’Istituto conosce i contatti mail o telefonici dell’utente, allora sarà avvertito con sms della possibilità di usufruire della domanda precompilata che si trova nella sua area riservata. Qui troverà una notifica specifica che lo condurrà alla compilazione della domanda.

Potrebbe interessare anche>>>Pensione di reversibilità non sempre è riconosciuta anche con la convivenza

Trattamento pensionistico di reversibilità: di che si tratta

Ricordiamo cosa si intende per pensione di reversibilità: è un trattamento pensionistico che viene riconosciuto ai familiari superstiti in caso di decesso del pensionato o dell’assicurato. Tale trattamento di reversibilità a favore dei superstiti è pari a una quota percentuale della pensione del defunto. 

La pensione indiretta viene riconosciuta nel caso in cui l’assicurato abbia perfezionato 15 anni di anzianità assicurativa e contributiva. Oppure ha perfezionato 5 anni di anzianità assicurativa e contributiva di cui almeno 3 anni nel quinquennio precedente la data del decesso. 

Vediamo quali sono i superstiti che hanno diritto al trattamento pensionistico: 

  • innanzitutto il coniuge o l’unito civilmente; 
  • il coniuge divorziato purché  sia titolare dell'assegno divorzile, e che non abbia contratto nuove nozze
  • I figli inabili al lavoro e che sono a carico del genitore al momento del decesso, questo indipendentemente dall’età;
  • figli maggiorenni studenti fino al 21esimo anno di età che sono  a carico del genitore al momento del decesso, che non prestino attività lavorativa, e frequentino corsi di formazione
  • I figli maggiorenni studenti, che sono a carico del genitore al momento del decesso, che non prestino attività lavorativa, che sono iscritti e frequentano l’università, nei limiti della durata legale del corso di studi e comunque non oltre il 26 anno di età

Vediamo quali sono le aliquote di reversibilità 

Ai soggetti superstiti spettano differenti aliquote di reversibilità, vediamo nel dettaglio le percentuali:

  • 60% spetta al coniuge solo
  • 80% spetta al coniuge e un figlio
  • 100% spetta al coniuge e due o più figli

Nel caso in cui abbiano diritto a pensione soltanto i figli, oppure i genitori o i fratelli o sorelle, le aliquote di reversibilità sono le seguenti: 

  • un figlio           70% 
  • due figli            80% 
  • tre o più figli    100% 
  • un genitore       15%
  • due genitori      30% 
  • un fratello o sorella 15%
  • due fratelli o sorelle 30%

Francesca Borrelli

Mi ha sempre affascinato l'uomo e la sua interiorità. C'è un universo dentro ciascuno di noi che aspetta di essere esplorato e conosciuto e trovo che la via spirituale, accanto a quella psicologica, possa far luce lungo il cammino della vita.

Articoli collegati