Scuola

Stress da rientro colpisce anche i bambini: affrontarlo serenamente con qualche utile consiglio

Lo stress da rientro colpisce anche i bambini ma possiamo affrontarlo serenamente con qualche utile e semplice consiglio alla portata di tutti

Terminate le vacanze non è infrequente che, non solo gli adulti, ma anche i bambini e gli adolescenti avvertano una sorta di malessere che può essere ricondotto allo stress da rientro. È possibile affrontare la situazione osservando qualche semplice e utile consiglio.

Stress da rientro colpisce anche i bambini

Forse non tutti sanno che il ritorno a scuola è uno dei fattori di stress che colpiscono i bambini, insieme ai litigi in famiglia e alla pressione di essere sottoposti continuamente a obblighi, attività e orari costanti. Questi doveri e impegni generano inevitabilmente nei bambini ansia da prestazione, e questo è un effetto tipico della società moderna.


Tuttavia, lo stress del bambino, soprattutto per il ritorno a scuola, anche se in maniera del tutto involontaria, è causato dallo stesso genitore. Questi, infatti, gli trasmette l’ansia del distacco, e la preoccupazione di dover ritornare ai ritmi di vita che si avevano prima delle ferie.

Per affrontare il problema dei propri figli, sarebbe opportuno che innanzitutto i genitori facessero un lavoro su se stessi, per poter gestire meglio le proprie ansie e i nuovi ritmi quotidiani.

Affrontarlo serenamente con qualche utile consiglio

Come dicevamo, questa situazione può essere affrontata con piccoli accorgimenti che però possono fare la differenza. Innanzitutto, sarebbe utile lavorare sulla gradualità. Questo significa far abituare il bambino poco alla volta a riprendere degli orari più regolari, e non all’improvviso prima di tornare a scuola.

La stessa gradualità deve essere rispettata nello svolgimento dei compiti assegnati per le vacanze. Non ci si deve assolutamente ridurre all’ultimo minuto creando al piccolo l’ansia ingestibile di non riuscire a terminarli.

Altra cosa importante è mantenere, per quanto possibile, dei momenti di svago e condivisione in famiglia, così come accadeva durante le vacanze. Momenti di gioco, di svago, passeggiate, tutti insieme, in modo da non accentuare il distacco dai genitori e il drastico cambiamento delle attività.

È importante, poi, che i genitori sappiano ascoltare, che dedichino del tempo al bambino lasciando che possa esprimere le sue paure e preoccupazioni. A volte i bambini si vergognano, o temono di essere sottovalutati, perciò un genitore disponibile all’ascolto può fare la differenza.

Un salto in cartoleria in allegria

Un altro modo per rendere piacevole il rientro a scuola è organizzare una bella uscita in famiglia per andare tutti a comprare quaderni, matite e accessori per il nuovo anno scolastico. In questo modo il bambino familiarizza con il materiale scolastico, è attivo nello scegliere da solo ciò che gli piace.

Sarebbe utile anche che riprendesse confidenza con l’edificio scolastico che non frequenta da mesi e che ritrovasse i compagni di classe. Insieme si affronta meglio, perciò incontrarsi prima del rientro può creare un’atmosfera di amicizia e di sostegno.

Stress da rientro: Sana alimentazione e sport

Infine, non bisogna assolutamente trascurare il ruolo di una sana ed equilibrata alimentazione. I bambini hanno bisogno di assumere quotidianamente cibi ricchi di vitamine, sali minerali e proteine di prima qualità. Tutto questo li sostiene nella crescita e nello studio.

Anche la ripresa delle attività sportive è molto importante per aiutare il bambino a scaricare una parte dello stress. Inoltre, gli offre altre utili occasioni di socializzazione e di confronto con gli altri.

E allora, che aspettiamo? Tutti pronti per ricominciare con tanta allegria e buonumore? Buon anno scolastico a tutti.

Una pillola di conoscenza

Questo spazio, a cura di Francesca Borrelli, ha lo scopo di fornire piccoli spunti di informazione su temi di interesse generale.

Articoli collegati