Politica

Stato di emergenza: ci si avvia verso una proroga, ecco la possibile data

Stato di emergenza in scadenza il prossimo 31 luglio. Possibilità di prolungarlo fino al 31 ottobre

Il Governo in queste ore è in pieno fermento, ha tanti argomenti da affrontare e tante decisioni da prendere, causa emergenza Covid e variante Delta. La prima decisione che ha bisogno di una definizione precisa, è l'uso del Green pass. Da valutare il passaggio di alcune Regioni in zona gialla e i loro parametri, e infine decidere se prolungare lo stato di emergenza fissato al prossimo 31 luglio.

Stato di emergenza, sarà prorogato?

La situazione emergenza Covid e variante Delta sta colpendo molti Paesi in Europa, tra cui l'Italia. Da ormai due settimane sono in aumento i contagi, per fortuna diminuisce il numero dei morti e dei ricoveri in terapia intensiva. Anche se questi ultimi numeri non sono in forte crescita, quello che preoccupa è l'alto numero dei contagi dei giovani, molti non vaccinati, e il valore di contagio che era sceso allo 0,4% e che oggi si è riportato oltre il 2%.


Ma la decisione che bisogna prendere a breve è cosa fare con lo stato di emergenza in scadenza il prossimo 31 luglio. La prima data che viene valutata è quella del 31 ottobre, data in cui, secondo le previsioni, si sarebbe terminata la campagna dei vaccini.

Questione spinosa è anche quella del valore dato al Green pass e al suo utilizzo. In un primo momento gli veniva data un importanza già dopo la prima somministrazione del vaccino. Probabile che verrà reso disponibile solo alla doppia dose completata. Probabile che nei luoghi chiusi ci potrà entrare solo con il certificato verde.

Resistenza della maggioranza da superare

Tutto questo che stiamo dicendo sono proposte e possibilità. La maggioranza con a capo Salvini non sono d'accordo in pieno su queste decisioni, e per questo c'è una maggioranza da convincere e superare. Per i furbetti sono in arrivo multe salate.

Altro motivo di discussione e richiesto da governatori e presidenti delle Regioni, di cambiare il metodo di considerazione dei parametri. Se si mantenessero quelli attuali sono tante le Regioni che si ritroverebbero in zona gialla. Si chiede di adottare una nuova formula parametri, tenendo in considerazione le ospedalizzazioni, sia quelle delle terapie intensive che per quelle in ricoveri ordinari.

Giovanni Barreca

Fondatore e direttore responsabile, formazione tecnica e fiscale, dopo anni di consulenza in azienda e presso CAF. Mi occupo anche dell’area Finanza, Economia, Fisco, Salute, Motori e Spettacolo. Mi appassiona il mondo della Finanza e Fisco, ho iniziato a gestire la cosa più difficile a mio avviso, i risparmi della famiglia e da lì è nata la passione. I miei articoli aiutano a comprendere come orientarsi in un mondo pieno di numeri e percentuali. Aiutano il Lettore nel disbrigo di pratiche e consigli su come evitare multe salate. Sono appassionato di tutto ciò che riguarda la cura della persona, lo sport, l’ambiente dello spettacolo. Mio padre era un meccanico e mi ha trasmesso la passione per le auto. Mi piace scrivere su tutto, costanza e passione mi hanno spinto a creare Informazioneoggi.it.

Articoli collegati