Politica

Zona rossa, le nuove regole: grandi novità per le seconde case

La nuova zona rossa, molto simile a quella adottata nel periodo di Natale, presenta delle novità per le seconde case

Da domani, 15 marzo, zona rossa e arancione in tutta Italia, non ci saranno delle zone in fascia gialla; saranno tutte arancioni o rosse esclusa la Sardegna, unica in fascia bianca. Le regole per le zone rosse e quelle arancioni, sono in grande linea quelle adottate per il periodo di Natale, drastiche le limitazioni per i tre giorni di Pasqua. Grande novità invece saranno adottate per chi possiede una seconda casa, anche fuori Regione e se si trova in fascia rossa.

Nuove zone rosse e arancioni da lunedì 15 marzo, ecco cosa succede

La nuova situazione dell’epidemia, che continua a essere grave, ha costretto a far prendere delle decisioni drastiche da parte del Governo. Nelle aeree di lockdown si potrà fare visita ad amici e parenti, solo a Pasqua. Da lunedì chiusi centri estetici e parrucchieri.


Per quanto riguarda le passeggiate, o portare il proprio cane in giro, sarà possibile solo farlo nei pressi della propria abitazione. Sarà possibile il ricongiungimento tra partner, e non vedersi tutti i giorni, e, novità di queste nuove disposizioni, raggiungere le seconde case, anche se si trovano in un’altra Regione e si trovano in zona rossa.

Da lunedì 15 marzo, si aggiungono già alle Regioni rosse Campania e Molise, Emilia Romagna, Lazio (era gialla), Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Marche, Veneto, Puglia e Provincia autonoma di Trento. Passano in arancione tutte le altre Regioni, tranne la Sardegna che mantiene, per ora, la zona bianca.

Zona arancione: si ad asili e scuole medie, per le superiori, didattica a distanza e presenza con alunni a percentuale del 50-75%. Non è possibile andare a mangiare fuori, solo da asporto o con consegna a domicilio. Chiusura alle ore 18,00 per chi non ha la cucina, ore 22,00 per tutti gli altri. Per la visita a parenti e amici è possibile far visita una sola volta al giorno, tra le ore 5,00 e le ore 22,00 e solo nel territorio comunale. Lo sport è possibile praticarlo all’aperto solo nel proprio Comune. Negozi tutti aperti, tranne i centri Commerciali che resteranno chiusi nei fine settimana.

Zona rossa: chiuse le scuole di ogni ordine e grado, per i bar e ristoranti valgono le stesse regole delle zone arancioni. Obbligo di autocertificazione qualunque sia il motivo dello spostamento, anche se nel proprio Comune. Sono consentite visite a amici o parenti, solo in caso di necessità; nei giorni 3,4 e 5 di aprile, Pasqua, si può, massimo in due o con minori fino a 14 anni e una volta sola al giorno. Parrucchieri e centri estetici rimarranno chiusi. Chiusi tutti i negozi tranne generi alimentari, farmacie, informatica, per la cura di animali, lavanderie, meccanici, ferramenta, cosmetica, profumerie, casalinghi, tabaccherie e librerie. Per i partner non sarà possibile incontrarsi, se non dove ci sia una coabitazione fissa.

Le regole per le seconde case in zona rossa e arancione

Sia in zona arancione che in zona rossa, sarà possibile raggiungere le seconde case in cui si ha la proprietà o l’affitto prima del 15 gennaio 2021, l’importante che i componenti facciano parte del nucleo familiare e che in quella seconda casa non ci siano altre persone. Questa regola vale anche se le seconde case si trovano in un’altra Regione anche se si trovano in zona rossa.

Giovanni Barreca

Fondatore e direttore responsabile, mi occupo anche dell’area Finanza, Salute, Motori e Spettacolo. Mi appassiona il mondo della Finanza, ho iniziato a gestire la cosa più difficile a mio avviso, i risparmi della famiglia e da lì è nata la passione. I miei articoli aiutano a comprendere come orientarsi in un mondo pieno di numeri e percentuali. Sono appassionato di tutto ciò che riguarda la cura della persona, lo sport, l’ambiente dello spettacolo. Mio padre era un meccanico e mi ha trasmesso la passione per le auto. Mi piace scrivere su tutto, costanza e passione mi hanno spinto a creare Informazioneoggi.it.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *