Benessere

Perché il gli anziani dovrebbero praticare il pilates, i tanti benefici per la terza età

Il pilates, parere del medico permettendo, non solo gioverebbe i più giovani, ma anche gli anziani over 65. Ecco i motivi per cui praticarlo

È uno degli allenamenti più seguiti in questo momento, capace di dettare tendenza e conquistare tantissime persone. Stiamo parlando del pilates che può essere svolto a qualsiasi età, anche una volta diventati anziani. Non ha grandi pretese e non richiede una preparazione iniziale. Ma può essere svolto sia dai principianti che dagli atleti professionisti. Fu creato nel XX secolo da parte di Joseph H. Pilates e la storia di quest'uomo è già una garanzia. Infatti, costui, grazie all'allenamento da lui ideato, riuscì a vivere fino ad 80 anni. Tale allenamento si concentra sul cuore, ma tiene conto anche della restante parte del corpo. Allena il respiro, allinea gli squilibri muscolari e il movimento. Infine, supporta le articolazioni garantendo una maggiore flessibilità.

Perché il pilates dovrebbe far bene anche agli anziani

Prima di intraprendere questo allenamento bisogna ascoltare il parere del medico curante. Una volta che quest'ultimo avrà dato l'ok, allora si potrà procedere in totale libertà. Ovviamente, una volta iniziato lo sport, non bisogna mai sforzarsi più del dovuto.


Secondo dei recenti studi pubblicati su vari siti scientifici, il pilates riesce ad aiutare gli anziani migliorando la densità delle loro ossa. In modo particolare, sembra essere un grande alleato soprattutto per le donne over 65. Quando la densità delle ossa è bassa significa, di conseguenza, che queste possono rompersi più facilmente. Inoltre, gli oltre 600 esercizi di pilates contrastano disturbi come osteoporosi e osteopenia.

Altro grande beneficio riguarda la postura. Ad essere sinceri, anche i giovani di oggi tendono ad assumere una cattiva postura. Questo vuol dire che tale sport può giovare davvero chiunque. È stato dimostrato che il pilates migliora la postura poiché si concentra sul bilanciamento e allineamento del corpo usando le articolazioni.

Il terzo beneficio del pilates riguardante gli anziani è il miglioramento dell'equilibrio, oltre che dell'andatura della camminata. Questo perché coi suoi esercizi si rafforzano le caviglie e i fianchi. Ma anche il tronco e le gambe.

Le altre utilità di tale sistema di allenamento

Oltre all'aspetto puramente fisico, il pilates migliora l'umore contrastando ansia e depressione. Concentrandosi sul respiro attraverso il movimento crea maggior consapevolezza e genera la calma nel sistema nervoso. Da qui, in effetti, deriva il classico clichè secondo cui chi fa pilates è estremamente calmo e sereno.

E poi migliora la memoria perché conduce il flusso del sangue al cervello. Tale procedimento permette la creazione di nuovi neuroni che supportano l'attività della memoria e apprendimento. Ma migliora anche la colonna vertebrale sostenendo lei e gli organi.

Infine, un altro importante giovamento riguarda il sistema immunitario. Proprio in questo periodo si è più facilmente soggetti alle influenze e il pilates sembra fare al caso nostro. Com'è possibile una cosa del genere? Facendo circolare il sangue, pompa anche il flusso linfatico. Entrambi, dunque, con la loro azione, eliminano le tossine e permette al corpo di riceve nuovo ossigeno.

Intanto segnaliamo un altro studio condotto sul diabete che interessa sempre le persone in età avanzata.

Katia Russo

Ciao, sono Katia, sono laureata in Lettere Moderne presso l’Università di Salerno e attualmente sto continuando il percorso magistrale. Sono una grande curiosona, mi piace conoscere e trasmettere quante più notizie originali riesco a trovare. Adoro leggere, scrivere, disegnare, il cinema, la musica, l’arte e la cultura.

Articoli collegati