Casa e Giardino

Friggitrice ad aria: uno strumento rivoluzionario per un’alimentazione a tutta salute

Friggitrice ad aria: evoluzione recente nell'ambito della cucina sana permette di ottenere un frittura con l’aggiunta di quantità minime di olio.

Un’evoluzione recente nell’ambito della cucina sana è la friggitrice ad aria. Basandosi sulla semplice circolazione di aria calda, questo strumento rivoluzionario permette di ottenere un fritto croccante, asciutto e senza odori con l’aggiunta di quantità minime di olio.

Friggitrice ad aria: un metodo innovativo per friggere in modo sano

È noto a tutti che la frittura rende saporito qualsiasi tipo di alimento, dalle comuni verdure, alla carne, al pesce e così via. Tuttavia, essa rappresenta anche un sistema di cottura nocivo per la nostra salute soprattutto se ne abusiamo. Infatti, fa ingrassare, fa aumentare il colesterolo, compromette il fegato e può avere effetti cancerogeni.


La frittura consiste nell’immergere gli alimenti in olio bollente (oltre i 180 gradi) mantenendo costante la sua temperatura. Così si può ottenere un fritto croccante fuori e morbido dentro.

Da sempre abbiamo cercato di moderare il consumo della frittura sostituendola con altri sistemi di cottura come quella in forno. Tuttavia, non si è mai riusciti ad ottenere lo stesso risultato.  Negli ultimi anni si sta diffondendo un nuovo sistema, immesso sul mercato nel 2010. Questo nuovo metodo dà risultati molto vicini a quelli di un buon fritto permettendo di utilizzare una quantità minima di olio. Si tratta della cottura in friggitrice ad aria calda.

Questo nuovo elettrodomestico raggiunge temperature molto elevate in poco tempo utilizzando la potenza dell’aria prodotta da una ventola e riscaldata da una resistenza. L’aria si diffonde all’interno del cestello in vari modi: dal basso verso l’alto o viceversa, dai laterali oppure, nei modelli più efficienti, in modo circolare. In questo modo, il risultato sarà simile a quello del fritto croccante fuori e morbido dentro ma meno unto in quanto la quantità di olio usata è davvero irrisoria.

Potrebbe interessare anche>>>Porridge: nutriente e completo per una buona colazione all’inglese

Curiosità sull'elettrodomestico: come funziona, cosa cucinare e il modello ideale da comprare

La friggitrice ad aria non produce odori di bruciato ed è particolarmente adatta ai prefritti come patatine, sofficini, bastoncini, cordon bleu. Anche i cibi ricchi di grassi come la carne e alcuni tipi di pesce come il salmone possono adattarsi a questo nuovo metodo di cottura. Si adatta anche agli arrosti come il pollo, hamburger, spiedini e infine anche alle verdure.

La friggitrice ad aria prevede l’utilizzo di poco olio e grazie al suo cestello forato, cattura il grasso contenuto negli alimenti che si deposita nella parte inferiore. Ciò significa meno il 90 per cento di grassi.

I palati più esigenti affermano che il risultato non è minimamente paragonabile alla tradizionale frittura, in realtà è solo una questione di testa. Lo stomaco, invece, trarrebbe un sollievo enorme da questo recente sistema di cottura per uno stile di vita più sano senza alterare il gusto e la croccantezza degli alimenti.

Il formato ideale per una famiglia di quattro persone è XXL pari a circa 5 o 6 litri, di potenza non inferiore a 1700 watt e il cestello ideale è quello quadrato.

Per quanto riguarda la pulizia e manutenzione, è sufficiente lavarla con acqua e detersivo per i piatti dopo averla fatta raffreddare.

In alcuni modelli il cestello è lavabile in lavastoviglie ma bisogna far attenzione perché potrebbe rovinarsi il rivestimento antiaderente.

Alessia Del Gaudio

Mi Chiamo Alessia e vivo a Pomigliano D'arco, provincia di Napoli. Sin da bambina la mia più grande passione è studiare lingue straniere e per questo ho deciso di portare avanti le mie ambizioni. A Luglio mi sono laureata in Lingue, Culture e Letterature moderne europee all'Università Federico II. Il mio più grande sogno è quello di insegnare un giorno letteratura e di poter trasmettere l'amore per lo studio che da sempre mi ha contraddistinto. Sono empatica, ambiziosa e volenterosa. Mi piace apprendere sempre più cose possibili. Ho deciso di far parte di questo progetto per poter mettere alla prova le mie capacità di scrittura e affrontare con determinazione la laurea magistrale.

Articoli collegati