Casa e Giardino

La muffa in casa è pericolosa per la salute vediamo i problemi che può causare

La muffa in casa è pericolosa per la nostra salute, vediamo perché, e le importanti indicazioni nelle linee guida per la qualità dell’aria.

La muffa in casa è pericolosa. Infatti, anche se non ce ne rendiamo conto, nelle nostre case si può annidare questo nemico piuttosto insidioso da eliminare, che è causa di allergie e di infezioni nell’uomo, soprattutto a carico dell’apparato respiratorio.

La questione dell’aria che respiriamo in casa non è da sottovalutare, infatti, già da molti anni ha destato l’attenzione dell’OMS, che in collaborazione con HEAL, già nel 2009 ha rilasciato importanti indicazioni nelle linee guida per la qualità dell’aria indoor.


La muffa in casa è pericolosa per la salute vediamo i problemi che può causare

La responsabile della proliferazione di batteri e funghi è l’umidità, quando diventa eccessiva, batteri e funghi cominciano a moltiplicarsi. E questo può scatenare malattie respiratorie, asma, allergie, soprattutto nei bambini. Finisce così che, proprio la casa che dovrebbe essere il luogo più sicuro, diventa un luogo pericoloso per la salute. Comunque, neanche l’aria troppo secca fa bene, perché asciuga troppo le mucose che si disidratano. In questo modo si riduce la barriera protettiva che ci difende dalle aggressioni esterne.

Sono diverse le compromissioni possibili della salute, e molte le manifestazioni allergiche. Per esempio, possiamo incorrere in un fastidioso prurito della pelle, e sviluppare i sintomi di una dermatite atopica. Oppure possiamo sviluppare una congiuntivite se le spore raggiungono gli occhi. Oppure incorrere in una crisi asmatica dovuta al restringimento dei bronchi causato dall’infiammazione dell’apparato respiratorio. Sono frequenti anche le irritazioni del naso e della gola, sinusiti, ma anche mal di testa, nausea.

I soggetti più a rischio sono quelli che hanno il sistema immunitario più compromesso. I ceppi maggiormente implicati sono quelli dell’ Aspergillus e del Mucor, ma ce ne sono anche altri.

Cerchiamo di conoscere più da vicino la muffa che possiamo ritrovare nei nostri ambienti.

Cosa intendiamo quando parliamo di muffa

Quando parliamo di muffa, in realtà, intendiamo una vasta famiglia di funghi, gli zigomiceti, gli ascomiceti, i basidiomiceti, e i “funghi imperfetti”. La loro caratteristica è quella di riprodursi in modo eccezionale. Bastano poche ore, e un giusto livello di umidità, per creare un notevole strato di muffa visibile ad occhio nudo, perché filamentosa.

Le spore di questi funghi arrivano nelle nostre case grazie all’aria che dall’esterno penetra all’interno. Hanno una grande capacità di disperdersi un po’ dappertutto. E quando trovano delle superfici umide, iniziano a crescere e a proliferare. Possono attecchire su tappezzerie, libri, mobili, ma apprezzano molto anche i muri delle nostre case.

Infatti, soprattutto i muri delle nostre abitazioni possono essere ricchi di umidità, perché ci possono essere delle infiltrazioni a causa, ad esempio, della rottura di una tubatura. Ma, a volte, l’umidità sui muri si crea grazie all’azione combinata tra l’umidità dell’aria e la temperatura della superficie interessata.

Se, infatti, le pareti sono molto fredde, e l’aria è carica di umidità, quest’ultima finisce per condensarsi sulle nostre pareti. Questo crea le condizioni favorevoli allo sviluppo della muffa. Un po’ come accade quando d’inverno alitiamo sul finestrino freddo dell’auto e si formano le goccioline.

L’aria, infatti, non riesce a contenere più di una certa percentuale d’acqua, e quando raggiunge la soglia limite, la rilascia nell’ambiente. Umidità del 50-60% cominciano ad essere critiche nelle nostre abitazioni perché le spore dei funghi responsabili della muffa iniziano a proliferare oltre il 65% di umidità.

Riuscire a contenere questo livello, mantiene, invece, le spore disidratate, e questo le può sia uccidere, sia mantenere inerti aspettando che l’umidità aumenti di nuovo per iniziare a riprodursi.

Una pillola di conoscenza

Questo spazio, a cura di Francesca Borrelli, ha lo scopo di fornire piccoli spunti di informazione su temi di interesse generale.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *