Sport

Saltare la corda: un esercizio geniale per tutti coloro che vogliono perdere peso

Saltare la corda: un esercizio dall'efficacia garantita per coloro che vogliono perdere peso. Tanti benefici e curiosità sulla skipping rope.

Saltare la corda, detto in inglese Skipping rope, è un’attività super divertente adatta a chi vuole bruciare calorie in modo efficace e veloce. È l’attività di fitness più in voga soprattutto tra attori e modelli.

Un esempio è Katy Perry la quale non ama molto allenarsi ma allo stesso tempo non può fare a meno di saltare la corda.


È utilizzato in molti sport da combattimento come il pugilato o la boxe oppure come un semplice esercizio da fare pre-workout.  Può fungere in questo modo da riscaldamento oppure da allenamento a sé.

Saltare la corda: gli effetti positivi della skipping rope sul corpo

La Skipping rope ha infiniti benefici sul nostro corpo. Innanzitutto, si tratta di un workout ad alta intensità attraverso cui si può aumentare il consumo energetico e il dispendio calorico. Questo favorisce un dimagrimento sano se associato ad una dieta ben equilibrata.

Si può, inoltre, migliorare il metabolismo anaerobico. Quest’ultimo è uno dei tre sistemi energetici sfruttato dal muscolo scheletrico per produrre la molecola energetica necessaria per l’attività muscolare.

Saltare la corda permette di bruciare in modo veloce i grassi e migliorare la circolazione e la respirazione.

Può potenziare, inoltre, la resistenza muscolare e cardiovascolare. Un altro suo beneficio è quello di migliorare la circolazione sanguigna aiutando il corpo a prevenire la cellulite e la ritenzione idrica.

Beneficia anche alcune malattie come la trigliceridemia, glicemia e uricemia.

Chi si approccia alla skipping rope, tonifica le parti più critiche del corpo come braccia, glutei, addominali e gambe. Ciò dipende dal fatto che questo esercizio coinvolge diversi distretti muscolari come i quadricipiti, polpacci, adduttori e così via.

Inoltre la postura, la coordinazione e l’equilibrio del corpo ne gioveranno.

Avrà infiniti benefici anche sul nostro umore: infatti, in questo modo possiamo esercitare le nostre capacità cognitive come imparare ad essere vigili, pronti di riflessi e a mantenere viva la concentrazione. Ciò è fondamentale per alternare passi e salti in modo formidabile senza mai inciampare.

Tutto quello che i principianti dovrebbero sapere sulla skipping rope

Per iniziare a praticare questa attività correttamente, non bisogna solo afferrare una corda e iniziare a saltare. Infatti, come in ogni disciplina sportiva, bisogna fare attenzione ad alcuni aspetti come l’abbigliamento, la postura, lo spazio e così via. In questo modo si possono evitare più facilmente lesioni e contratture.

Il primo step è quello di indossare scarpe rigide, ammortizzate in punta e alte fino alla caviglia. Ciò è importante per proteggere legamenti e articolazioni dall’impatto con il pavimento. Un esempio sono le sneakers.

Prima dell’allenamento con la corda, un altro consiglio è quello di fare riscaldamento con le braccia e le articolazioni dei piedi. Un ottimo esercizio consiste nell’effettuare qualche movimento sulle punte dei piedi, dopodiché distenderli e con le braccia fare qualche movimento rotatorio in entrambi i sensi.

Per quanto riguarda lo spazio, un consiglio è quello di non saltare la corda né su superfici troppo rigide come il cemento né troppo morbide come la sabbia. Infatti, l’ideale sarebbe  una superficie semi morbida come un tappeto da yoga, il pavimento della palestra o un prato. Inoltre, bisogna avere abbastanza spazio sia davanti, dietro che sopra la testa.

Ora  determiniamo la lunghezza ottimale della corda. Per fare ciò, disponetevi sul suo centro, con i piedi in linea con le anche. L’estremità della corda dovrebbe arrivare circa fin sotto al petto.

Leggi anche: Workout a casa: esercizi fenomenali a corpo libero per scolpire il fisico

Quanto tempo al giorno bisogna saltare la corda?

Il tempo ottimale da dedicare a questa disciplina per chi vuole aumentare la forma fisica sono 10 minuti al giorno. In 10 minuti si consumano circa 150 calorie.

Ai principianti consigliamo 10 sessioni da 1 minuto con 1 minuto di pausa.

Gli atleti più avanzati, invece, possono sfruttare la pausa per fare esercizi di resistenza come push-up o squat.

Per saltare la corda, bisogna assumere una posizione corretta e far ruotare i polsi. Non c’è bisogno che le gambe siano troppo alte durante il salto.

Il modello ideale di salto e le controindicazioni

Per chi pratica il salto con la corda in un programma di fitness, consigliamo gli speed ropes ossia i salti eseguiti in velocità. Chi si approccia per la prima volta, dovrebbe utilizzare una corda in plastica leggera e sottile.

Gli atleti più avanzati possono usare corde in acciaio, in filo di ottone o cuoio che molto spesso possiedono anche pesi integrati. Naturalmente, questi tipi di corde hanno un costo più elevato e sono adatte esclusivamente ai professionisti.

Quando si usano corde provviste di manico, bisogna controllare che il cuscinetto a sfera al suo interno si muova correttamente. In questo modo la corda può ruotare senza difficoltà.

Infine, prima di approcciarvi a quest’attività, sarebbe indispensabile una visita medica di controllo per determinare lo stato di salute.

Il salto della corda è sconsigliato a chi ha patologie alle ossa o ai tendini come in caso di fratture, tendinite, lombalgia e così via.

Inoltre, è vietato a chi ha la lordosi, scoliosi, cifosi e a chi è soffre di una grave obesità. Il peso troppo eccessivo, infatti, potrebbe essere dannoso per le articolazioni durante i salti.

Infine, un’altra categoria di persone alle quali è sconsigliato sono quelle che soffrono di malattie cardio-respiratorie.

Alessia Del Gaudio

Mi Chiamo Alessia e vivo a Pomigliano D'arco, provincia di Napoli. Sin da bambina la mia più grande passione è studiare lingue straniere e per questo ho deciso di portare avanti le mie ambizioni. A Luglio mi sono laureata in Lingue, Culture e Letterature moderne europee all'Università Federico II. Il mio più grande sogno è quello di insegnare un giorno letteratura e di poter trasmettere l'amore per lo studio che da sempre mi ha contraddistinto. Sono empatica, ambiziosa e volenterosa. Mi piace apprendere sempre più cose possibili. Ho deciso di far parte di questo progetto per poter mettere alla prova le mie capacità di scrittura e affrontare con determinazione la laurea magistrale.

Articoli collegati