Cronaca

Amatrice, riapre una nuova strada: la ripartenza

Dopo il disastro che ha rovinato l'intera città, si inizia a vedere un piccolo segnale di ripresa: ad Amatrice riapre una nuova strada.

La città è stata distrutta nel 2016 da un terremoto. In quell’occasione molti beni artistici si sono persi, così come l'Istituto Alberghiero della città. Dopo una lunga attesa sono iniziati i primi lavori di ristrutturazione. Sono tante le strade ancora distrutte e i lavori continuano senza sosta: oggi finalmente si è inaugurata una delle strade completamente squarciata dal terremoto. Sono tutti segnali della ripartenza della città. Adesso Amatrice fa i conti con il passato, poiché, oltre alle strade, bisogna ricostruire anche molti ospedali. In questi mesi, finalmente, sono iniziati i lavori anche per la loro ricostruzione.

Amatrice: il progetto per riparte 

Ci sono vari progetti, che presto regaleranno alla città di Amatrice nuove soddisfazioni, poiché c’è ancora tanto da ricostruire. Ci sono parecchi rallentamenti, poiché servono comunque molti fondi per ricostruire tutto. Si è però già ad un buon punto, con l’inizio della ricostruzione dell'ospedale e la prima pietra del nuovo Istituto Alberghiero. Quest'ultimo, secondo le parole di Nicola Zingaretti, sarà uno degli istituti più belli d'Italia, forse anche d'Europa. L'obiettivo principale sarà quello di rendere Amatrice una città di grande cultura e intelligenza, amata e visitata per la storia che la rende così forte.


Pronta alla ripartenza

Prima di tutta questa tragedia, che ha coinvolto tutto il paese, Amatrice è nota soprattutto per la famosa ricetta della pasta all’amatriciana. Si vuole ricordare la città di nuovo così, per le qualità che possedeva, e che, purtroppo, sono state sepolte sotto le macerie. Si vuole ricordare quel momento di dura prova solamente per mostrare al mondo intero quanto sia forte e determinata, perché sotto le macerie di questa città c'è ancora speranza.

Pietanza tipica di Amatrice: spaghetti all’amatriciana ricetta originale di un piatto classico e tradizionale

Giovanna Russo

Mi chiamo Giovanna, e vivo al centro storico di Napoli. Ho ed ho una passione sin da bambina ed è quella di viaggiare e scoprire posti nuovi, culture diverse tradizioni nuove e luoghi da esplorare.

Articoli collegati