Finanza

Bitcoin e Criptovalute: volatilità e Fisco cosa cambia dal 2022

Le Criptovalute e Bitcoin, riconosciute anche dal legislatore che definisce l'aspetto fiscale, ma è anche diventato uno stile di vita.

Bitcoin e Criptovaute, ormai sempre più presenti nel mercato finanziario. Anche le principali testate giornalistiche dalla tecnologia e finanza, parlano dei record della moneta digitale ma anche della loro volatilità. Tante le persone che studiano da anni li Bitcoin e la considerano una rivoluzione epocale. Risulta sempre più popolare e sono tanti i risparmiatori che si avvicinano a questa nuova realtà. Considerata anche la moneta della libertà e di un nuovo stile di vita.

Il trasferimento della moneta elettronica, Bitcoin, non ha bisogno di banche e autorità centrali, per questo è anche definita "libera". È nata nel 2008 al culmine di una crisi finanziaria che mandò il sistema bancario globale in default. Ma i Bitcoin, come tutte le criptovalute, sono famosi anche per la loro natura considerata "anarchica" che ha reso possibili anche molti illeciti, come ad esempio, la compravendita su black market come Silk Road.


>>>Bitcoin in forte recupero torna sopra 50.000 $ per la prima volta dopo 3 mesi

Bitcoin e Criptovalute: volatilità e Fisco cosa cambia dal 2022

Ma come funzionano e come sono tassate? Le criptovalute, funzionano grazie a codici crittografici e a complessi calcoli algoritmici. Hanno funzioni più di investimento che di pagamento. A riconoscere la finalità di investimento è anche lo stesso legislatore italiano che, recependo la quinta Direttiva Antiriciclaggio, ha inserito tale specifica finalità nel testo dell'art. 1, c. 2, lett. qq) della legge antiriciclaggio.

>>>Attenzione agli investimenti in criptovalute, i chiarimenti della Guardia di Finanza

Precisa che per:

valuta virtuale si intende la rappresentazione digitale di valore,non emessa né garantita da una banca centrale o da un'autorità pubblica, non necessariamente collegata a una valuta avente corso legale, utilizzata come mezzo di scambio per l'acquisto di beni e servizi o per finalità di investimento e trasferita, archiviata e negoziata elettronicamente.

Nonostante le modifiche apportate, rimangono poco chiari il regime fiscale e i relativi adempimenti connessi con la detenzione o la vendita di criptovalute.

Angelina Tortora

Giornalista iscritta all'Ordine dei Giornalisti Campania e ragioniera commercialista iscritta all’ordine dei Revisori Ufficiali dei Conti. Esperta in ambito fiscale e previdenziale, sempre vicino al Lettore nel disbrigo di pratiche e nello svolgimento di quesiti su varie tematiche previdenziali e fiscali. Esperta SEO e formazione.

Articoli collegati