Finanza

I titoli su cui puntare con pochi rischi, la parola degli esperti

Dalla Spagna arrivano alcune indicazioni sui titoli su cui investire, secondo gli esperti si corrono pochi rischi, ma quali sono i player più attraenti?

L'aumento vertiginoso delle materie prime ha sollevato molte preoccupazioni tra gli investitori. Regna cautela sui mercati e si cercano titoli su cui puntare con pochi rischi. La risposta arriva dall Spagna che ha introdotto un meccanismo di recupero delle materie prime identificando un tetto massimo di profitti per utility non ecologiche. A spiegare il funzionamento e i vantaggi l'esperto Morgan Stanley.

I titoli su cui puntare con pochi rischi

Negli ultimi sei mesi le materie prime hanno avuto aumenti impressionanti, questo causa un innalzamento del costo dell'energia elettrica che si è quasi triplicato in tutta l'Europa. Infatti, è passato dai circa 50 euro/Mwh a 150 euro/Ewh, questo ha comportato l'aumento dei prezzi in un anno circa del 75 - 90%. L'innalzamento dei prezzi riflette anche sul gas. La Spagna ha introdotto un meccanismo che permette il recupero del gas e del carbone rapportandolo ad un tetto massimo di profitti per utility non ecologiche. Gli investitori sono preoccupati che questa decisioni influenzi anche altri paesi.


Secondo Morgan Stanley è difficile parlare di rischio di contagio, spiega che il rischio dell'intervento pubblico è dovuto considerando la sensibilità ai prezzi spot.

Spiega che in Spagna i prezzi sono collegati ai prezzi spot e quindi, i consumatori hanno potuto constatare ili valore di mercato sulle bollette di consumo mensili.

Allarme bollette preoccupa gli investitori ma ci sono varie sfumature da considerare

In effetti, la Spagna è un'eccezione in quanto i prezzi al rialzo in altri paesi sono rivisti dopo una base che va da tre ai dodici mesi. Ad esempio, in Italia i prezzi sono regolamentati e rivisti dopo un trimestre, infatti, arriverà la stangata sulle bollette dal primo ottobre. Gli italiani temono l'allarme bollette: ad ottobre stangata di 247 euro a famiglia, anche se il Governo ha lanciato delle misure in soccorso.

Nel Regno Unito, invece, i prezzi sono rivisti ogni semestre, in Portogallo e Francia l'adeguamento è effettuato annualmente.

Secondo gli esperti i titoli su cui puntare sono Engie, Edf e Rwe. Anche Orsted e Iberdola, anche se avvisano che il recupero del gas possa avere un effetto negativo sui guadagni dell'anno in corso e del 2022 di Endesa e Iberdola. Questo potrebbe portare una riduzione degli utili delle azioni. Però, bisogna considerare la capitalizzazione di mercato diminuita per Iberdola di 10,6 miliardi di euro e per Endesa di 5,9 miliardi di euro. Inoltre, secondo gli esperti, la valutazione di Orsted che possa ricevere un deficit di volume, è esagerata se si considerano le ultime dichiarazione dell'azienda.

Da considerare anche che, questa situazione, con le pressioni inflazionistiche, potrebbero creare un effetto strategico e quindi, Orsted si troverebbe posizionato in posizione migliore rispetto ai competitor.

Angelina Tortora

Giornalista iscritta all'Ordine dei Giornalisti Campania e ragioniera commercialista iscritta all’ordine dei Revisori Ufficiali dei Conti. Esperta in ambito fiscale e previdenziale, sempre vicino al Lettore nel disbrigo di pratiche e nello svolgimento di quesiti su varie tematiche previdenziali e fiscali. Esperta SEO e formazione.

Articoli collegati