Finanza

Milano chiude +0,5% e arriva l’esito dalla Bce che conferma la politica accomodante

Finalmente le Borse europee continuano la ripresa dopo lo scivolone di lunedì, Milano chiude +0,5% e arriva l'esito dalla Bce.

Oggi Piazza Affari chiude in positivo con il settore bancario in primo piano. Mentre Wall Street delude, frenata anche dalle richieste di disoccupazione. Il petrolio è in rialzo. La Borsa di Milano chiude +0,5% e arriva l'esito dalla Bce che conferma la politica accomodante.

L'apertura delle Borse europee ha destato da subito sicurezza recuperando lo scivolone di lunedì. Infatti,  chiudono in rialzo, anche se i livelli non sono al massimo. Preoccupa la situazione dei contagi, le nuove restrizioni e il Green pass. Sotto i riflettori la Bce che ha sorpreso con la sua decisione. Infatti, l'Eurotower ha comunicato che non varierà i tassi e ha confermato la dotazione Pepp (Pandemic Emergency Purchase Programme).


E sarà attiva fino a marzo 2022, anche considerando l'inflazione. Inoltre, il presidente dell’istituto Christine Lagarde, ha dichiarato che tenderà a salire nella seconda metà dell'anno per poi tornare a scendere. 
Wall Street è debole dopo la comunicazione dei dati della disoccupazione. Questo ha fatto frenare anche i tassi dei Treasury americani a 10 anni, si attestano a 1,28%.

Milano con il FTSE MIB chiude a +0,52%, Parigi con il CAC 40 +0,26%, Francoforte con il DAx 30 +0,59, Madrid con l'IBEX35 a +0,63% e Amsterdam con AEX +0,72. Londra resta indietro a causa della pandemia Covid, l'aumento dei contagi e morti scoraggia i risparmiatori.

Milano chiude +0,5% e la Bce conferma la politica accomodante

Piazza Affari trascina in alto il settore bancario e torna l'azione speculativa. I migliori titoli: Mediobanca +0,04%, Unicrediti +0,20%, Banca Mps +3,67%, Bper Banca +1,92%, Unipol +0,06%.

Poi, in evidenza anche: Ezor +1,28%, Enel +1,88%, Atlantia +2,29%. Mentre scente Stmicoelectronics -0,03%.

Nei titoli fuori paniere principale Mediaset SpA -1,43% e Tinexta +10,2%.

L'euro stabile, mentre il petrolio è in aumento: il Wti a 70,9 dollari al barile e il Brent a 72,84 dollari al barile.

Preoccupa la disoccupazione negli Stati Uniti, gli analisti hanno annunciato il dato settimanale che è risultato peggiore dall'ultima rilevazione. Aumentate di 51mila unità le domande di disoccupazione, per un totale complessivo di 419.000. Il dato è risultato peggiore da quello preventivato dagli analisti.

Giovanni Barreca

Fondatore e direttore responsabile, formazione tecnica e fiscale, dopo anni di consulenza in azienda e presso CAF. Mi occupo anche dell’area Finanza, Economia, Fisco, Salute, Motori e Spettacolo. Mi appassiona il mondo della Finanza e Fisco, ho iniziato a gestire la cosa più difficile a mio avviso, i risparmi della famiglia e da lì è nata la passione. I miei articoli aiutano a comprendere come orientarsi in un mondo pieno di numeri e percentuali. Aiutano il Lettore nel disbrigo di pratiche e consigli su come evitare multe salate. Sono appassionato di tutto ciò che riguarda la cura della persona, lo sport, l’ambiente dello spettacolo. Mio padre era un meccanico e mi ha trasmesso la passione per le auto. Mi piace scrivere su tutto, costanza e passione mi hanno spinto a creare Informazioneoggi.it.

Articoli collegati