Fisco

Bonus caldaia 2020: i requisiti necessari per inoltrare la richiesta 

Il bonus caldaia 2020 può essere richiesto per un nuovo impianto di riscaldamento: vediamo quali requisiti bisogna rispettare

Il governo, anche per il 2020, ha rinnovato il bonus caldaia, che permette di ottenere una detrazione del 50% o 65% per l’installazione di una caldaia. Il bonus caldaia si può richiedere nell’ambito del bonus ristrutturazione o Ecobonus, ma i due bonus non sono cumulabili. 

Per ottenere il bonus caldaia 2020 bisogna installare una caldaia in un immobile già esistente, accatastato o in fase di accatastamento. 


Bonus caldaia 2020: i requisiti

Con la legge di Bilancio 2020 è stata approvata la detrazione fiscale per l’installazione di una caldaia in base all’efficienza energetica della stessa. La detrazione è in vigore dal 1° gennaio 2020 fino al 31 dicembre 2020. Si può beneficiare di due tipi di detrazione in base alle differenti caratteristiche della caldaia. 

Si può richiedere la detrazione del 65% delle spese sostenute per l’installazione di una caldaia, quando:

  • Si sostituisce l’impianto di climatizzazione invernale con un impianto costituito da caldaia a condensazione con classe A di efficienza energetica e con l’installazione contemporanea di sistemi termoregolazione evoluti in classe V, VI o VIII;
  • Si installa un impianto con caldaia a condensazione e pompa di calore (sistemi ibridi).

Mente per richiedere la detrazione del 50%, bisogna:

  • Installare una caldaia a condensazione con classe energetica A.

Nel caso in cui si installa una caldaia con classe inferiore alla A non si può beneficiare di nessun tipo di detrazione. 

Altri requisiti che devono sussistere per ottenere il bonus caldaia sono che:

  • L’immobile sia accatastato o in fase di accatastamento;
  • Tutti i tributi inerenti all’immobile devono essere in regola con i pagamenti;
  • Deve essere già presente un impianto di riscaldamento. 

Bonus Infissi 2020 con sconti e agevolazioni fino al 110%: requisiti e domanda

Spese ammesse e importi

Si può beneficiare delle detrazioni Irpef per le seguenti spese:

  • Smontaggio della vecchia caldaia;
  • Acquisto e posa in opera della nuova caldaia;
  • Prestazioni professionali per sopralluoghi.

L’importo massimo concesso in detrazione per il bonus caldaia è pari a 30.000 euro, recuperabili in 10 rate di pari importo per 10 anni.

Per tenerti aggiornato sui diversi bonus istituiti dal governo come: bonus casa, ecobonus, consulta la nostra rubrica di Fisco.

I documenti per la richiesta

I documenti necessari per richiedere il bonus caldaia è la documentazione con cui si è effettuato il pagamento dell’acquisto e l’installazione della caldaia. Il pagamento va effettuato con mezzi tracciabili come: bonifico bancario o postale che deve riportare i seguenti dati:

  • Causale di versamento;
  • Il codice fiscale del beneficiario del bonus caldaia;
  • Partita iva del beneficiario del pagamento;
  • I dati relativi alla fattura.

Infine, per richiedere il bonus caldaia c’è bisogno di una perizia di un tecnico abilitato e di un certificato del produttore della caldaia.

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Ho collaborato con diversi quotidiani online. Esperta di contabilità e di tutti gli adempimenti fiscali e previdenziali. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità, argomenti che riguardano il mondo della scuola, economia e fisco per aiutare a districarsi nel mondo complesso della burocrazia. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *