Mondo

Globbish: una nuova lingua in continuo sviluppo nell’ultimo millennio

Globbish: vantaggio per la comunicazione internazionale, è la lingua dell'ultimo millennio. Nasce in un mondo sempre più tecnologico e social..

Il Globbish è un neologismo che trae origine dall’unione di due parole ossia globalization ed English. Si tratta della lingua del nuovo millennio, sempre più in continuo sviluppo anche grazie all’avvento di internet e dei social.

Ciò ha prodotto un vocabolario ricchissimo di parole nuove che prima non esistevano nella nostra lingua. Infatti, grazie ad internet ci siamo avvicinati sempre più ad un concetto di globalizzazione. Ogni giorno, abbiamo l’opportunità di leggere contenuti in altri lingue, seguire trend stranieri e tenerci in contatto con i nostri amici all’estero.


In questo modo, involontariamente, nuove parole straniere entrano nel nostro linguaggio. Ciò è definito in linguistica prestito.

Sono tanti i termini stranieri che si sono impadroniti dell’italiano, basti pensare al francese toilette o réclame oppure all’inglese make-up, selfie e computer. Anche il nostro ciao è utilizzato dai parlanti di ben 37 lingue per salutarsi.

Secondo alcuni studi, sono oltre 250 le lingue di cui l’italiano è debitore tra cui il greco, il latino, l'inglese, francese, spagnolo, tedesco e così via.

Globbish: l’inglese è la lingua più utilizzata in tutto il mondo

Naturalmente, l’inglese è la  più conveniente che possiamo utilizzare con tutti coloro che incontriamo su Internet oppure in un paese estero che non parlano la nostra stessa lingua.

È anche quella più usata nelle riunioni lavorative, nel marketing, nella moda, in economia e così via. Possiamo ricordare infatti anglicismi come business, fashion e social network.

Nel mondo dell’università, siccome la ricerca avviene all’estero, gli universitari saranno costretti ad usare nel loro campo un vocabolario specifico inglese e questo renderà il globbish sempre più presente.

Per Globbish si intende l’inglese rimasticato dai vari paesi. Naturalmente, bisogna fare attenzione al suo uso: mai confondere le due lingue o usare neologismi e forestierismi a caso.

Infatti, dovremmo essere in grado anche di scrivere e pronunciare queste parole correttamente in modo da non essere fraintesi.

Per esempio, mettiamo caso che in un annuncio lavorativo leggiamo: “ricerchiamo la figura di un social media management creativo e preciso.”

Ciò creerebbe un po' di confusione soprattutto se l’azienda in questione ha contatti con l’estero. La parola management, infatti, significa gestione mentre manager gestore.

Per questo motivo, chi vuole utilizzare questi prestiti deve essere molto informato e conoscere bene la grammatica per evitare errori di forma e sostanza. Inoltre, non bisogna mai abusarne e per mantenere alta la comprensione del testo, dovremmo evitare le forzature.

Prestiti integrati e non: come usarli correttamente

Un’altra cosa importante di cui bisogna parlare è che molte parole non possiedono un corrispettivo italiano e ciò significa che il prestito è ben integrato nella nostra lingua. Un esempio è freelance.

Inoltre, ci sono anglicismi che lo possiedono ma che ormai sono utilizzati in modo intercambiabile. La loro traduzione spiega solo una sfumatura del significato. Il termine selfie, per esempio non è un semplice autoscatto.

Inoltre, ora è più semplice sentire a lavoro brief, call, deadline invece di riunione, telefonata e scadenza.

Ci sono, però, anche termini che utilizziamo correntemente in linguaggi più o meno specifici ma che non sono ancora inglobati. Questo vuol dire che l’utilizzo è più flessibile e che il corrispettivo italiano può essere usato senza problemi. Alcuni esempi sono: device e concept.

Molto spesso, chi si approccia agli anglicismi, deve imparare a distinguere tra due mondi diversi. Un esempio è il plurale in grammatica.

Quando si usano, infatti, termini integrati nella nostra lingua, non dobbiamo mettere la s finale come in inglese fatta eccezione per testi molto specializzati e tecnici. Per esempio si dice social network e non social networks.

Per quanto riguarda il genere, persone e animali mantengono quello originale. Invece, il genere delle cose si accorda con quello della corrispondente parola italiana.

Make-up: uno dei mondi più ricchi di parole inglesi

Uno dei mondi più ricchi di parole inglesi è quello del make-up dove possiamo trovare infiniti termini come cosmetics e beauty. Per indicare il fondotinta abbiamo il make-up base primer, l’ombretto eyeshadow, il lucidalabbra lip gloss oppure lo smalto il nail polish.

Alessia Del Gaudio

Mi Chiamo Alessia e vivo a Pomigliano D'arco, provincia di Napoli. Sin da bambina la mia più grande passione è studiare lingue straniere e per questo ho deciso di portare avanti le mie ambizioni. A Luglio mi sono laureata in Lingue, Culture e Letterature moderne europee all'Università Federico II. Il mio più grande sogno è quello di insegnare un giorno letteratura e di poter trasmettere l'amore per lo studio che da sempre mi ha contraddistinto. Sono empatica, ambiziosa e volenterosa. Mi piace apprendere sempre più cose possibili. Ho deciso di far parte di questo progetto per poter mettere alla prova le mie capacità di scrittura e affrontare con determinazione la laurea magistrale.

Articoli collegati