Mondo

La vera storia di Halloween: leggende e tradizioni sulla festa più macabra dell’anno

La vera storia di Halloween cela dietro di sé tantissime curiosità, leggende e tradizioni nascoste che non tutti conoscono tra cui la zucca intagliata.

Qual è la vera storia di Halloween? Le sue origini antichissime risalgono al Samhain, l’antico capodanno che separava il periodo estivo da quello invernale. L’estate era rappresentata dall’arancione dei campi, l’inverno dal nero, simbolo del buio. Il capodanno era celebrato proprio il 31 ottobre.
Gli ingredienti principali di questa festa così macabra sono i rituali celtici, scherzi della natura e patti con il diavolo che da sempre travolgono la nostra attenzione. Inoltre dietro ciò, si celano curiosità, tradizioni e leggende nascoste che non tutti conoscono.

Il simbolo della zucca intagliata

Una di queste leggende riguarda la famosissima zucca. Molte persone si divertono ad intagliarla, illuminarla e appoggiarla su una finestra o su un portico per creare un’atmosfera paurosa. Questa tradizione autunnale proveniente dall’America è amatissima e da decenni si è diffusa in altre parti del mondo tra cui anche l’Italia insieme al dolcetto o scherzetto?
Le lanterne create con zucche intagliate in USA sono chiamate Jack-o'-lantern. Il motivo per cui sono diventate protagoniste delle decorazioni di Halloween e per cui vengono intagliate è una storia che vale la pena di raccontare.
Anche se da sempre il Cavaliere senza testa e la zucca lanciata hanno spaventato generazioni e generazioni di americani, in realtà le sue origini provengono da alcuni Paesi del vecchio mondo come Irlanda, Inghilterra e Scozia.


Ti potrebbe interessare anche>>>Ognissanti: quali sono le mete top per festeggiare Halloween?

Cosa si nasconde dietro la vera storia di Halloween?

Utilizzare un frutto o un ortaggio rotondo per rappresentare il volto umano era presente già migliaia di anni fa in alcune culture celtiche dell’Europa settentrionale o ancora prima nell’epoca precristiana.

Infatti, la zucca intagliata potrebbe derivare proprio dall’usanza cristiana di venerare le teste oppure simboleggia trofei di guerra rubati ai nemici. Per quanto possa sembrare macabro, gli ortaggi potrebbero simboleggiare le teste mozzate dei nemici.

Questa idea si diffuse durante la festività celtica di Samhain che in origine era celebrata il 1 novembre e che poi ha ispirato le diverse tradizioni della nostra festa preferita. Si racconta che in questa parte dell’anno, gli spiriti dei morti si mescolassero con i vivi.

Per placare le anime in pena, le persone indossavano costumi e intagliavano volti spaventosi in tuberi come barbabietole, patate e rape, che poi venivano abbandonate dopo il raccolto. Nel corso del tempo, c’è stata un evoluzione: le persone hanno iniziato a svuotare i tuberi perché le lanterne in metallo erano molto costose. In questo modo, iniziarono ad intagliare volti e motivi vari per permettere alla luce di filtrare attraverso i fori senza spegnere i carboni.

Oggi è possibile osservare meravigliosi esempi visitando il National Museum of Irland. Qui è presente un calco in gesso di una lanterna ricavata da una rapa intagliata. Quest’ultima è chiamata rapa fantasma e com’era comune nel 1900, possiede denti irregolari e fessure per gli occhi.

Alessia Del Gaudio

Mi Chiamo Alessia e vivo a Pomigliano D'arco, provincia di Napoli. Sin da bambina la mia più grande passione è studiare lingue straniere e per questo ho deciso di portare avanti le mie ambizioni. A Luglio mi sono laureata in Lingue, Culture e Letterature moderne europee all'Università Federico II. Il mio più grande sogno è quello di insegnare un giorno letteratura e di poter trasmettere l'amore per lo studio che da sempre mi ha contraddistinto. Sono empatica, ambiziosa e volenterosa. Mi piace apprendere sempre più cose possibili. Ho deciso di far parte di questo progetto per poter mettere alla prova le mie capacità di scrittura e affrontare con determinazione la laurea magistrale.

Articoli collegati