Politica

Covid in Italia, nuovo picco di contagi: si va verso un Super Green pass per salvare il Natale

La curva contagi da Covid in Italia è in aumento: si studia un Super Green pass per salvaguardare il Natale

Siamo tornati ai livelli di maggio scorso, i dati parlano di circa 12mila nuovi contagi nelle ultime 24 ore e 49 morti. Quello che si cerca di diffondere, è che grazie ai vaccini i casi gravi sono davvero pochi. Ma c'è l'annuncio del ministro Brunetta che tutti si aspettavano: a breve si varerà il Super Green pass, per cercare di bloccare l'impennata di contagi per questo inverno e per cercare di premiare tutti i soggetti vaccinati.

Super Green pass pronto per dicembre: penalizzati i no vax

Sicuramente saranno giorni molto caldi in Italia, e speriamo di non arrivare a situazioni che si stanno verificando a Rotterdam. Lo studio è per quelle zone che saranno catalogate gialle o arancioni, e per cercare di salvaguardare il Natale alle porte per i vaccinati.


Questa probabile nuova decisione di sicuro creerà polemiche e malumori, ma Draghi è pronto ad accogliere, si parla di martedì prossimo, i presidenti delle Regioni d'accordo per la maggior parte del Super Green pass. Primo su tutti Giovanni Toti dalla Liguria che chiede al Governo di fare in fretta, questa è una decisione dura da prendere ma risparmieranno tante nuove chiusure e tanti nuovi contagi; bisogna anche garantire il cittadino che ha fatto il suo dovere.

Allo studio del Governo anche quello di rendere il vaccino obbligatorio per alcune categorie: parliamo di medici, docenti e Forze dell'Ordine. Le restrizioni per i no vax saranno validi per tutti i luoghi di ritrovo, cinema, ristoranti, teatri e tutti i luoghi di socialità e aggregazione. Per ora si cercherà di astenere i no vax e far valere il risultato del tampone, solo per l'accesso al lavoro e per i servizi essenziali.

Obbligo vaccinale per tutti: per ora è solo un dibattito

Per ora quello che è certo è ascoltare quello che la comunità scientifica ci invita a fare; terza dose e vaccinare chi non lo è ancora. Questo per cercare di affrontare il Natale e l'inizio dell'anno nuovo senza eccessive restrizioni. Per quanto riguarda l'obbligo di vaccinarsi, decisione presa solo dall'Austria da febbraio 2022, siamo ancora lontani.

Giovanni Barreca

Fondatore e direttore responsabile, formazione tecnica e fiscale, dopo anni di consulenza in azienda e presso CAF. Mi occupo anche dell’area Finanza, Economia, Fisco, Salute, Motori e Spettacolo. Mi appassiona il mondo della Finanza e Fisco, ho iniziato a gestire la cosa più difficile a mio avviso, i risparmi della famiglia e da lì è nata la passione. I miei articoli aiutano a comprendere come orientarsi in un mondo pieno di numeri e percentuali. Aiutano il Lettore nel disbrigo di pratiche e consigli su come evitare multe salate. Sono appassionato di tutto ciò che riguarda la cura della persona, lo sport, l’ambiente dello spettacolo. Mio padre era un meccanico e mi ha trasmesso la passione per le auto. Mi piace scrivere su tutto, costanza e passione mi hanno spinto a creare Informazioneoggi.it.

Articoli collegati