Politica

Green pass, prevista una multa di 400 euro per chi non lo possiede

Anche in Italia arriverà il Green pass e con esso nuove regole: tra queste una multa di 400 euro rivolta a chi non ha il certificato

Novità in arrivo anche per l'Italia. Ormai, dopo la Francia, anche il nostro paese ha deciso di applicare il certificato del Green pass, un documento che tutti coloro che hanno ricevuto il vaccino devono avere. Su questo argomento non tutti i nostri politici sembravano essere d'accordo. Un esempio è Giorgia Meloni, leader del partito "Fratelli d'Italia" che avrebbe duramente criticato la scelta del premier francese, il presidente Macron. Addirittura, la Meloni aveva definito "anticostituzionale" un'imposizione del genere. Dall'altro canto, poi, nei giorni scorsi si è deciso che i professori potranno entrare in classe a settembre solo se muniti di Green pass. Insomma, ormai è certo: l'Italia avrà il suo Green pass e proprio in questo momento si pensa alle nuove regole. Tra queste è prevista anche una multa di 400 euro per chiunque non abbia il certificato.

Multa di 400 euro e molto ancora, ecco le nuove regole previste per il Green pass

Arriviamo direttamente al nocciolo della questione, un argomento che andrebbe a pesare tantissimo sulle nostre tasche. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, chiunque non sia provvisto del Green pass al momento dell'entrata in un locale rischia grosso.


Per la precisione si tratta di una multa di 400 euro, una somma che potrebbe scendere a 260 euro se la stessa sanzione verrà pagata nel giro di 5 giorni. Ma non è finita qui perché la cosa duole, e non poco, anche ai proprietari del locale i quali saranno soggetti a cinque giorni di sospensione dell'esercizio. Coloro che si occuperanno dei controlli del Green pass saranno solo ed esclusivamente le forze dell'ordine.

Oltre alla multa di 400 euro, come anticipato prima, ci sono altre regole legate al certificato che il governo deciderà più nello specifico durante la settimana prossima. È possibile, quasi sicuramente, che il documento sarà richiesto obbligatoriamente nei vari mezzi di trasporti per lunga percorrenza. Parliamo dunque di pullman, treni e aerei.

Le ultime regole legate al Green pass

Lo stesso potrebbe valere anche per entrare in palestra, concerti, teatri, discoteche e cinema. Insomma, in tutti quei luoghi dove c'è rischio di assembramento. Così facendo si spera di arrivare preparati e scongiurare la quarta ondata che, quasi sicuramente, incomberà sulla nostra penisola da settembre.

Almeno per adesso il documento non dovrebbe essere richiesto in luoghi in cui si consuma del cibo, come ristoranti e bar. Dall'altro canto, però, si sta pensando di permettere solo ai vaccinati con due dosi, a chi è guarito dal Covid e a chi ha fatto un tampone nelle ultime 48 con risultato negativo di entrare nei locali al chiuso.

L'unica cosa certa legata a questo documento è che lo stesso sarà rilasciato solo ed esclusivamente a chi ha ricevuto le due dosi di vaccino.

Katia Russo

Ciao, sono Katia, sono laureata in Lettere Moderne presso l’Università di Salerno e attualmente sto continuando il percorso magistrale. Sono una grande curiosona, mi piace conoscere e trasmettere quante più notizie originali riesco a trovare. Adoro leggere, scrivere, disegnare, il cinema, la musica, l’arte e la cultura.

Articoli collegati