Tecnologia

Nuova macchina cattura Covid tramite odore della pelle: grande passo in avanti tecnologico

Scoperta a dir poco eccezionale: una nuova macchina che riconosce e cattura il Covid, sentendo il solo odore della pelle

Si presuppone che il Covid possa ritrovarsi nell’aria, così gli studiosi creano una nuova invenzione per facilitare la prevenzione del contagio. Un idea quasi geniale, l’invenzione di questo Roboscientific che tramite sensore, rivela nell’ aria la presenza del virus. Una azienda inglese sta progettando varie idee per monitorare il Covid, intanto vediamo come funziona questa Macchina cattura COVID.

Nuova macchina cattura Covid “Room Monitor”, come funziona?

Questo nuovo macchinario riconosce l’individuo infetto, vi chiederete come? Il virus causa cambiamenti metabolici, che emanano odori in modo tale che il meccanismo lo avverte, questo odore lo emana anche un paziente asintomatico, e la macchina quindi riesce a decifrarlo.


Dopo che è stato installato il Room Monitor rivela campioni d’aria testandoli in automatico. Una delle particolarità di questo macchinario è che, una volta avvistato il soggetto positivo al virus, avverte il proprietario del macchinario via SMS in modo da prendere subito provvedimenti.

Breath test e Room Monitor

Un’altra invenzione questa, utile per ridurre i contagi, facilissimo da utilizzare; basta soffiare direttamente all’interno di uno degli strumenti e il risultato arriva in pochi minuti. Assicura alla popolazione una precisione del 99% sulle risposte.

Queste due funzioni, potrebbero essere la chiave per eliminare velocemente questa pandemia che ormai da quasi due anni ha bloccato milioni di persone, e soprattutto causandone la morte.

Ecco chi ha esaminato la Room Monitor

Gli esperti della London School of hygiene &Tropical Medicine e della Durham University, hanno fatto esaminare delle tracce del corpo presenti su vari indumenti indossati in precedenza.

L’idea e anche quella di installarlo nei luoghi pubblici, in modo tale da tenere sotto controllo questa situazione epidemiologica; soprattutto aiuta a velocizzare i vari risultati senza, perdite di tempo, e soprattutto evitando tamponi invasivi.

Il capo direttore James Logano ha dichiarato alla stampa le potenzialità del prodotto RoboScientific. “Questi risultati sono davvero promettenti e dimostrano il potenziale per l’utilizzo di questa tecnologia come test rapido e non invasivo con incredibile precisione; sono necessari ulteriori test per confermare se questi risultati sono davvero attendibili.

Emanuela Giardiello

Mi chiami Emanuela Giardiello amo viaggiare e scoprire posti nuovi, dove posso incontrare culture diverse, ed amo perdermi mentre guardò il mare con i suoi meravigliosi colori.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *