Viaggi, arte e cultura

Le bellezze inaspettate e poco conosciute della capitale: ecco perché Roma non è solo il Colosseo

Chi l'ha detto che Roma è solo il Colosseo o le sue piazze più famose? Esistono dei posti davvero curiosi della capitale sconosciuti ai più

Quando si pensa a Roma è inevitabile che nella nostra immaginazione appaia il simbolo per eccellenza della città, ovvero il Colosseo. Poi, di certo, ci sono altri luoghi importanti come la Fontana di Trevi, Piazza Navona, Piazza di Spagna, i fori romani, il Pantheon e tanto altro ancora. Ma la capitale non è solo questo. Non sono solo questi i tesori che la compongono e la rendono immortale. Certo, saranno anche i monumenti più famosi che la rappresentano, ma ne esistono altri davvero stupendi. Questi, purtroppo, però sono sconosciuti e non tanto famosi quanto i primi descritti. Ebbene, chiunque sia in viaggio verso Roma o abbia intenzione di trascorrere la vacanze estive nella capitale deve assolutamente vedere questi posti.

La Roma che non tutti conoscono: ecco le altre bellezze dalla capitale

Iniziamo da un luogo davvero molto suggestivo e particolare. Stiamo parlando del piccolo Duomo Romano che si trova a pochi passi dal Castel Sant’Angelo. Il suo nome è in realtà Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio, la quale sembra essere la perfetta copia in miniatura del famoso Duomo di Milano. Un luogo davvero in grado di stupire, piccolo, dal colore bianco e in perfetto stile neogotico.


Altro luogo che merita tanta attenzione e allo stesso tempo degno di tanta meraviglia è la Villa Doria Pamphij. Certo, forse è più conosciuta la romantica Villa Borghese, luogo perfetto per gli innamorati, ma anche questa è in grado di fare breccia nel cuore di chiunque la visiti.

Si tratta di una vasta area verde di ben 180 ettari che la porta ad essere considerata come il terzo parco più bello di Roma. Sarà davvero molto semplice innamorarsi di lei grazie ai suoi giardini, alle strutture antiche che presenta e al Casino del Bel Respiro.

Roma capitale: le bellezze nascoste

Ultimo posto sconosciuto degno della considerazione di ogni viaggiatore è il Quartiere Coppodè. Questo si trova a pochi passi dal cimitero del Verano e sulla strada di Viale Regina Margherita. Si presenta come una realtà alquanto insolita vista la città a cui appartiene: è una sorta di mix tra il gotico e il medioevale.

Il quartiere prende il nome da chi lo progettò, ovvero dall’architetto Gino Coppedè. Per costruirlo ci vollero 5 anni, dal 1915 al 1920. Il suo stile particolare che spazia tra il gotico, arabo e vittoriano nel corso del tempo l’hanno reso sede di alcune ambasciate.

Katia Russo

Ciao, sono Katia, sono laureata in Lettere Moderne presso l’Università di Salerno e attualmente sto continuando il percorso magistrale. Sono una grande curiosona, mi piace conoscere e trasmettere quante più notizie originali riesco a trovare. Adoro leggere, scrivere, disegnare, il cinema, la musica, l’arte e la cultura.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *